Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I luoghi che hanno fatto la storia della Motor Valley modenese

 

Il territorio modenese, insieme a quello bolognese, è nota come Motor Valley perché qui hanno sede i principali brand mondiali dell'automobilismo di fascia alta. Iniziando questo tour a Modena si può vedere l'alta torre della Maserati su cui svetta il tridente, simbolo non solo del brand ma anche di Bologna, dato che i fratelli Maserati fondarono la propria azienda nel capoluogo di regione, più di 100 anni fa, ma dal 1937 è stata trasferita nella nostra città in via Ciro Menotti grazie al noto industriale Adolfo Orsini. Poco distante si trova la Casa Natale di Enzo Ferrari con la sua storica officina nella quale il mito ebbe origine e che oggi è stata trasformata in museo insieme ad una struttura più contemporanea che lascia a bocca aperta chiunque la veda. Spostandosi in periferia di Modena si trova invece la Collezione Umberto Panini, la più grande al mondo per quanto riguarda il brand Maserati. Una collezione che va dalle prima automobili italiane a quelle da corsa, passando per i nomi che hanno fatto la storia delle gare e senza dimenticare le moto. Spostandosi invece a Maranello si trova la nuova sede dell'azienda Ferrari, quando nel 1943 il Drake lasciò Modena. L'azienda è famosa per la sua grande scritta all'entrata e per la galleria del vento, una delle più importanti al mondo. Non troppo distante, sempre a Maranello, si può visitare il museo Enzo Ferrari che raccoglie ogni anno più di 180 mila visitatori. Infine il tour nella provincia modenese si conclude a San Cesario, vicino a Castelfranco Emilia, dove ha la sede l'azienda Pagani e dove si trova il museo inaugurato da un anno di Horacio Pagani, nel quale si racconta la storia di questo geniale ingegnere che dal 1999 ha scritto una storia personale nel mondo dei motori raggiungendo risultati sia tecnici sia artistici nel campo delle automobili da record mondiale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento