Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Storia di un medico "riservista". Il dottor Vanni Borghi, dalla pensione alla corsia

 

Quando si lavora con una grande squadra devi partecipare e non mollare, soprattutto in un momento di crisi. Sebbene non mancassi da molto, ho trovato un ambiente trasformato dalla malattia, dove l’organizzazione ha dovuto adattarsi a questa nuova realtà. Io mi sto occupando della logistica, dell’organizzazione, della clinica, insomma di tutti gli aspetti.

Ho trovato una grande squadra. Infettivologi, pneumologi, chirurghi. Abbiamo creato un’equipe che lavora fianco a fianco senza paura, collaborando appieno. Di certo in una situazione del genere si creano legami profondi.

La sua prima impressione

Vi sono due aspetti davvero toccanti. Il primo è quello dei pazienti, che vivono una situazione difficile non solo la loro condizione clinica, ma anche psicologica, visto che questa patologia fa paura e ti isola dai tuoi affetti. L’altro aspetto, infatti, è quello delle famiglie separate dalla malattia, senza la possibilità di andare fisicamente in ospedale a trovare i propri cari ricoverati.

Un suo desiderio

Vorrei riuscire a lavorare a favore dei pazienti che seguiamo normalmente, in particolare quelli con epatite C e HIV (quasi 1500) che in questo momento soffrono il fatto che la struttura è tutta concentrata sul COVI19. Stiamo introducendo una serie di azioni per riprendere, anche se a ritmo ridotto, le normali attività ambulatoriali per le persone con infezione da HIV che devono eseguire gli esami e controllare le terapie.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento