Recupero della fauna selvatica, accordo tra Provincia e "Il Pettirosso"

L'attività di recupero sul suolo pubblico delle carcasse degli animali selvatici sarà effettuata per conto della Provincia dal Centro fauna selvatica "Il Pettirosso" di Modena sulla base di una convenzione che prevede un contributo all'associazione di 20 mila euro.
Il provvedimento, che ha validità per tutto il 2020,  scaturisce dal passaggio di questa competenza dalla Regione alle Province a partire dal 1 gennaio.

Visitando il Centro di via Nonantolana 1217, martedì 14 gennaio, la comandante della Polizia provinciale Patrizia Gambarini ha sottolineato che il recupero delle carcasse rappresenta «un servizio importante che l'associazione modenese, un'eccellenza riconosciuta a livello nazionale, è in grado di garantire in modo efficace». 

La convenzione riguarda, si legge nel documento, «l'attività di recupero su strade e aree pubbliche, il trasporto e l'avvio allo smaltimento delle carcasse di animali selvatici con una taglia minima non inferiore a una lepre e fatta salva l'applicazione della normativa in materia sanitaria».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le segnalazioni dovranno arrivare esclusivamente da forze dell'ordine, gestore della strada o altra istituzione o ente pubblico.
Come rileva Piero Milani, responsabile del Centro, «nel 2019 abbiamo effettuato circa 150 recuperi di animali selvatici, soprattutto tassi, istrici e caprioli in gran parte investiti da veicoli in transito, un fenomeno che riguarda sia la montagna che la pianura e che si acuisce in inverno, quando gli animali tendono a stazionare pericolosamente sulla carreggiata stradale per cibarsi del sale sparso contro il ghiaccio».
Le caratteristiche di ogni intervento saranno riportate su un apposito registro con documentazione fotografica quando si tratta di particolari specie, in base a specifiche linee guida indicate dalla Provincia che effettuerà entro le 24 ore successive al recupero, tutti gli eventuali accertamenti tecnici sulle carcasse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposa a settembre

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus. Tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento