Ospedale di Sassuolo, 15 nuovi strumenti acquistati con la raccolta benefica

I fondi pari a 600.000 euro, raccolti durante il lockdown nazionale, sono già stati investiti per l’assistenza dei pazienti critici e il potenziamento tecnologico

Nei difficili mesi del lockdown nazionale, tra febbraio e maggiola Fondazione Ospedale di Sassuolo Onlus ha raccolto 600.000 euro di donazioni frutto della generosità e dell’impegno di tantissime aziende e cittadini per sostenere l’Ospedale e gli operatori sanitari. I fondi sono stati investiti per rinnovare e implementare la dotazione tecnologica e strumentale a disposizione dell’Ospedale, in particolare per l’assistenza dei pazienti critici, nei quali rientrano anche i casi di persone positive al Covid-19 che necessitano di ricovero ospedaliero, anche con monitoraggio h24 dei parametri vitali e bisognosi di assistenza respiratoria. 

L’Ospedale di Sassuolo, oggi, grazie agli investimenti effettuati, è in grado di rispondere a queste esigenze ed è anche pronto ad affrontare la nuova emergenza sanitaria, causata dalla seconda ondata dell’epidemia di Covd-19, in rete con gli altri ospedali della provincia di Modena. Anche grazie alle nuove dotazioni tecnologiche, l’ospedale – che è già strutturato per intensità di cura – ha incrementato la propria flessibilità organizzativa e ha attivato, nel periodo tra marzo e giugno, anche una terapia sub intensiva in grado di accogliere fino a 12 pazienti, messa a servizio del servizio sanitario locale per fronteggiare il picco epidemico della prima fase della pandemia. 

In particolare, grazie alla donazione della Fondazione, è stato messo in funzione un sistema di monitoraggio dei parametri vitali che permette la gestione da remoto di 12 pazienti critici ed è stata ultimata la riqualificazione del sistema di monitoraggio del blocco operatorio, che ne ha incrementato l’efficienza e ha permesso l’utilizzo della tecnologia già presente in precedenza a servizio dei pazienti Covid+.  

Sempre con i fondi arrivati dalla Fondazione sono stati acquistati 2 ventilatori polmonari da terapia intensiva e 2 videolaringoscopi digitali ad alta risoluzione. Ogni sala operatoria inoltre è stata dotata di 1sistema di aspirazione dei fumi operatori a tutela dei chirurghi ed infermieri che hanno così potuto proseguire l’attività operatoria urgente in sicurezza. Sono arrivati infine anche 10 sistemi ecografici portatili a supporto dell’attività internistica e di pronto soccorso e 1 sistema portatile per eseguire esami radiografici del torace direttamente al letto del paziente

“Grazie alle donazioni ricevute l’ospedale ha potuto rinnovare e rafforzare le sue dotazioni tecnologiche in grado di migliorare ulteriormente i livelli di assistenza per i pazienti che si rivolgono alla nostra struttura – spiega Silvio Di Tella, Direttore Sanitario dell’Ospedale di Sassuolo S.p.A. – Dotazione strumentale affidata a validissimi professionisti che si sono prodigati durante la prima fase della pandemia e sono tuttora impegnati nel fronteggiare la seconda ondata, oltre a cercare di garantire le restanti prestazioni. Non posso quindi che esprimere una immensa gratitudine: in primis ai numerosi donatori, alla componente professionale (Medici, infermieri, personale di supporto) e alle varie articolazioni della Direzione Sanitaria, Amministrativa e Generale che si sono prodigate per accelerare l’arrivo e la messa in funzione della strumentazione. In un momento molto delicato, poter vedere un supporto così concreto dal proprio territorio non può che renderti orgoglioso e aumentare il senso di appartenenza”.  

“L’ospedale di Sassuolo non si ferma – spiega Micol Pifferi, Presidente della Fondazione Ospedale di Sassuolo O.n.l.u.s. – e oggi più che mai è punto di riferimento per i bisogni sanitari dell’area Sud della nostra provincia. Nonostante il periodo difficile appena superato e quello altrettanto complesso che abbiamo davanti, possiamo dire di aver contribuito concretamente a rafforzare le sue potenzialità. Gli sforzi fatti da tante realtà imprenditoriali e da ogni singolo cittadino che si è impegnato in una donazione non sono stati vani, anzi, sono già stati trasformati in azioni concrete. Oggi l’ospedale è più forte, sempre più capace di far fronte alla gestione dei pazienti ‘critici’, che hanno bisogno di un monitoraggio continuo, come il controllo dell’attività cardiaca o quello dei parametri respiratori”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

  • Chiama i vigili per spostare un auto in sosta davanti al cancello, ma il cartello era clonato

  • Coronavirus, risalgono i numeri in regione. A Modena quasi 500 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento