rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Attualità

Sciopero benzinai, "L'87% degli impianti modenesi con gestore ha aderito allo sciopero"

E' positivo il riscontro di Faib Confesercenti Modena in merito all'adesione dello sciopero degli impianti di carburante a Modena e provincia. Giberti: "A parte gli impianti completamente selfizzati e automatizzati e qualche pompa bianca che non ha aderito, in generale abbiamo notato una buona adesione allo sciopero"

Faib Confesercenti Modena definisce positiva l'adesione allo sciopero: "A Modena e provincia abbiamo riscontrato una buona adesione allo sciopero, l'87% degli impianti con contratto di comodato con presenza del gestore ha aderito alla mobilitazione". 

Si continua con lo sciopero ma solo per la giornata di oggi, mercoledì 25 gennaio, per quanto riguarda Faib Confesercenti che ha optato, dopo l'incontro di ieri con il ministro Urso, di ridurre la mobilitazione.  

"L'incontro di ieri  - continua Giberti - ha permesso alla categoria di trovare punti di incontro con il Ministro. Da parte del Governo ci sono state delle aperture presentate e già formalizzate con un emendamento al decreto-legge come la significativa riduzione delle sanzioni, la razionalizzazione della cartellonistica sugli impianti, la rapida convocazione di un tavolo di filiera per affrontare gli annosi problemi del settore, a partire dall'illegalità contrattuale e dal taglio dei costi per le transazioni elettroniche. I risultati ottenuti sono il frutto della grande mobilitazione della categoria di queste settimane" conclude Giberti. 

Sciopero dei benzinai, i distributori che restano aperti sulle autostrade 

Sciopero distributori carburante, orari e giornate

Lo sciopero dei benzinai ha preso il via ieri , 24 gennaio,dalle ore 19.00  su rete ordinaria e dalle ore 22.00 sulle autostrade. Gli impianti di rifornimento carburanti rimarranno chiusi per sciopero – compresi i self service – per 48 ore consecutive, dalle ore 19.00 del 24 alle ore 19.00 del 26 gennaio sulla rete ordinaria e dalle ore 22.00 del 24 alle ore 22.00 del 26 gennaio sulla viabilità autostradale.

Alla base della protesta - fa sapere Fegica e Figisc-Anisa Confcommercio in una nota - la posizione dei distributori di carburante contro il Governo, che "invece di aprire al confronto sui veri problemi del settore, continua a parlare di “trasparenza” e “zone d’ombra” solo per nascondere le proprie responsabilità ed inquinare il dibattito, lasciando intendere colpe di speculazioni dei benzinai che semplicemente non esistono". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero benzinai, "L'87% degli impianti modenesi con gestore ha aderito allo sciopero"

ModenaToday è in caricamento