menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: Lavinia Nitu

Foto: Lavinia Nitu

Cucina ed inclusione, gli ingredienti del primo corso formativo di AIW per 4 donne straniere

"Association for the Integration of Women" formerà 4 donne dalla Nigeria e dal Ghana, appassionate di cucina e con la voglia di condividere i sapori della gastronomia tipici delle loro terre d’origine con la comunità modenese

Association for the Integration of Women (AIW), un’organizzazione non-profit fondata lo scorso anno dalla 27enne italo-americana Caroline Caporossi, potenzierà le sue azioni nel territorio lanciando il suo primo programma di formazione culinaria rivolto nello specifico a quattro donne originarie della Nigeria e del Ghana, desiderose di lavorare nel mondo della ristorazione modenese.

Il programma di formazione, sviluppato da Jessica Rosval direttrice culinaria di AIW e Chef del Casa Maria Luigia di Massimo Bottura, è una proposta che si fonda su tre pilastri di AIW: capacità, opportunità e motivazione. Prevede inoltre una formazione olistica atta a potenziare competenze tecniche e capacità relazionali delle partecipanti. I corsi culinari avranno come docenti la chef di AIW Alessia Morabito e altri chef appartenenti all'Associazione cuochi MOdena, mentre altre le competenze trasferibili verranno insegnate da donne volontarie - alcune migranti - che fanno parte della associazione International Women’s Association of Modena.

AIW, in collaborazione con il Servizio Sociale Territoriale del Comune di Modena, ha selezionato 4 tirocinanti in base alle loro capacità, ambizioni e attitudini per il programma, progetto fortemente sostenuto dai servizi sociali poichè visto come opportunità per sostenere e valorizzare le competenze delle donne straniere e la loro inclusione non solo lavorativa, ma soprattutto sociale, contribuendo alla costruzione di un futuro più inclusivo anche per i loro bambini. Nel corso dei prossimi quattro mesi, le donne si formeranno presso “Centro Papa Francesco” in Via dei Servi 18 della Caritas Diocesana nel centro Storico di Modena e all’interno dell’ ultimo progetto Caritas denominato “Fiducia nella Città” presso il “Laboratorio Crocetta”, uno spazio comune nel centro del quartiere omonimo . I Pasti preparati dalle donne di AIW, grazie alla collaborazione con la Caritas Modenese potranno essere condivisi in modalità differenti con persone accompagnate da Caritas nei vari luoghi della città.

“Questo programma" - afferma la portavoce dell’Associazione - “ è solo l’inizio, di un progetto molto più ambizioso che consiste nell’apertura di un ristorante Sociale, il primo a Modena, denominato ROOTS. Contiamo di poter realizzare il sogno in autunno di vedere una ventina di donne l’anno formarsi sul campo e avere l’opportunità come modenesi di conoscere nuove culture e sapori provenienti da altri paesi attraverso il cibo. Tutto ciò è possibile grazie ai tanti partners e sponsor che ci hanno sostenuto in questi primi mesi di lavoro”.

Per saperne di più visitare il sito web

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni anti-Covid, si apre la prenotazione per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento