Attualità

Il Comune raccoglie le proposte dei gestori per creare un Albo dei Centri estivi

Uno strumento grazia al quale le famiglie potranno avvalersi di un contributo fino a 336 euro a bambino

Sono pubblicati on line sul sito del Settore Servizi educativi gli avvisi pubblici per la costituzione di un elenco di soggetti gestori di attività estive interessati a aderire al progetto Conciliazione Vita-Lavoro, rivolto alle famiglie di bambini e ragazzi nati dal 2008 al 2018.

Completata l'istruttoria delle domande, il Comune pubblicherà l'elenco dei soggetti gestori di centri estivi rivolti a bambini e ragazzi da 3 ai 13 anni e le famiglie che iscriveranno i figli nei centri estivi in elenco potranno presentare domanda per l’assegnazione del voucher sulla retta di frequenza previsto dal progetto regionale. Entro il mese di maggio, infatti, sarà pubblicato anche il bando rivolto alle famiglie per l’ottenimento del contributo che potrà arrivare complessivamente fino a 336 a bambino, con un rimborso massimo settimanale di 112 euro. Dei contributi potranno usufruire i nuclei, anche affidatari, con reddito Isee fino a 35 mila euro in cui entrambi i genitori o l’unico genitore, in caso di famiglie mono genitoriali, siano occupati (lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati) oppure nelle quali anche uno o entrambi i genitori siano fruitori di ammortizzatori sociali o disoccupati che partecipino alle misure di politica attiva del lavoro definite dal Patto di servizio. Anche per l'estate 2021 è possibile richiedere il contributo da parte delle famiglie in cui solo uno dei due genitori è lavoratore in quanto l’altro genitore è impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza di componenti il nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza come definiti ai fini Isee. Per presentare domanda sarà necessario avere un’attestazione Isee in corso di validità o, in alternativa, un’attestazione Isee 2020.

Contemporaneamente, entro il 24 maggio, i soggetti gestori possono fare richiesta per l'assegnazione di una struttura comunale per le attività di centro estivo. I locali interessati sono quelli di proprietà comunale, compatibilmente con la disponibilità delle stesse e con le attività estive, anche di manutenzione già programmate e previa verifica con i dirigenti scolastici.

Tutte le informazioni e la modulistica relativa agli avvisi pubblici può essere scaricata dal sito internet del Comune di Modena nella pagine dedicate (www.comune.modena.it/servizi/educazione-e-formazione).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune raccoglie le proposte dei gestori per creare un Albo dei Centri estivi

ModenaToday è in caricamento