Allargamento della strada Sp413 a San Pancrazio, finalmente arriva l'appalto

Un tratto critico per la viabilità: verranno realizzate due corsie per far defluire meglio i veicoli verso Campogalliano o verso Carpi. Bando pubblicato, entro fine anno si conoscerà il vincitore

La Provincia di Modena ha pubblicato il bando per i lavori di allargamento della strada provinciale 413 nel tratto compreso fra il sistema tangenziale di Modena allo svincolo di Ponte Alto e la rotatoria con la sp13 di Campogalliano, in località San Pancrazio. Le offerte dovranno pervenire alla Provincia entro il 14 dicembre 2019 e prevedono un importo a base d’asta di 2 milioni 190mila euro e una durata di 300 giorni. I lavori, espletate le procedure di gara e di aggiudicazione, dovrebbero partire nei primi mesi del 2020.

L’intervento prevede un allargamento della sp413 dall’incrocio con la ex strada nazionale per Carpi e la rotatoria con la strada provinciale 13 per Campogalliano, della lunghezza di circa 450 metri con l’obiettivo di rendere fluido il traffico con due corsie di marcia utili per incolonnare a sinistra i veicoli diretti a Campogalliano e all’ingresso dell’autostrada A22 e a destra i mezzi diretti a Carpi. Per chi è diretto a Carpi, verrà realizzata anche una corsia esterna alla rotatoria, in modo da fluidificare il traffico su quella direttrice.

Inoltre è previsto un intervento di potenziamento e riqualificazione del tratto restante fra il ponte sul fiume Secchia e l’incrocio con la ex strada nazionale per Carpi, utilizzando il sedime attuale della sp413.

Per il presidente della Provincia Gian Domenico Tomei «si tratta un’opera strategica attesa da tempo. La provinciale 413 infatti “Romana” collega il territorio del comune di Modena con i territori dei Comuni di Soliera, Carpi e Campogalliano ed è una strada di primaria importanza del territorio provinciale. Si tratta di un’arteria stradale sottoposta ad un intenso traffico extraurbano, in particolare la mattina lunghe code si formano nella direzione verso il centro di Modena, vista anche la presenza di due corsie di marcia che si restringono ad una in corrispondenza del ponte sul fiume Secchia e quelle verso Carpi, che talvolta arrivano fino all’anello della tangenziale di Modena, creando una situazione di forte pericolo, oltre che di disagio».
 
Nel 2004 la Provincia di Modena aveva realizzato una rotatoria all’incrocio la provinciale 413 e la provinciale 13 di Campogalliano e nel 2010 invece il Comune di Modena ha realizzato un sottopasso in corrispondenza della vecchia strada Lesignana; entrambi gli interventi  avevano l’obbiettivo di eliminare due incroci a raso a “t” in cui si verificavano notevoli conflitti dei rami di accesso e conseguenti incidenti stradali. Il prossimo passo di questo progetto sarà la realizzazione del nuovo ponte sulla ss12 in località “Passo dell’Uccellino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento