rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Attualità

Ansia e conflitti, sempre più adolescenti si rivolgono agli sportelli scolastici

In aumento gli accessi agli sportelli scolastici attivati nelle scuole medie e superiori della città. Progetto finanziato dalle Politiche sociali anche per i prossimi quattro anni

Demotivazione e difficoltà scolastica, problemi relazionali con i genitori, ma soprattutto ansia generalizzata in vari ambiti: scolastica e sociale e problemi a rapportarsi con i genitori e con i pari. Sono le motivazioni di maggior disagio che anche nell’anno scolastico 2021/2022 hanno portato gli studenti a cercare gli psicologi degli Sportelli scolastici attivati in tutte le scuole secondarie di primo grado della città. Un trend confermato anche per quanto riguarda i colleghi più giovani che frequentano le scuole secondarie di primo grado, con l’ulteriore preoccupazione che in questa fascia d’età emerge anche un aumento dell’aggressività verbale e fisica con casi estremi, pur isolati, che hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine.

A dirlo sono i resoconti del coordinamento del Progetto Sportelli scolastici per la prevenzione dedicata e attiva, di cui fanno parte il Centro per le famiglie del Settore Politiche sociali e il Centro educativo Memo del Settore Istruzione. Gli Sportelli d’ascolto psicologico vengono attivati in 14 Istituti superiori della città e nelle scuole secondarie di primo grado di tutti gli Istituti comprensivi grazie alle risorse stanziate dal settore Politiche sociali del Comune di Modena.

I numeri

Dopo due anni di pandemia, lo scorso anno scolastico è stato il primo ritorno a una nuova normalità, con le scuole aperte in maniera costante e il ritorno delle attività totalmente in presenza. Aspetti che hanno inciso sugli accessi agli sportelli d’ascolto: negli istituti superiori quasi 300 in più rispetto all’anno precedente. In particolare, spiegano le coordinatrici del Progetto Sportelli d’ascolto del Comune, l’incremento ha riguardato studenti e docenti. Nell’anno scolastico 2021/22 si sono rivolti allo sportello 609 studenti (quasi il 70% ragazze), 154 docenti e 119 tra genitori e caregiver. La maggior parte lo ha fatto in presenza.

Per quanto riguarda gli studenti, in particolare, si tratta per lo più di ragazzi delle classi seconde o quarte e questi ultimi lo hanno soprattutto per parlare delle difficoltà legate al tema dell’orientamento post-diploma. Più in generali, le richieste avanzate da ognuno potevano essere plurime: la maggior parte riconducibili a demotivazione e difficoltà scolastiche (27%), ansia scolastica (24%), problemi relazionali con i genitori (25%, in forte aumento), ma anche ansia generalizzata (9%) sociale e legata alla pandemia (quasi 4%) e, in linea con l’anno precedente, scarsa autostima (quasi il 20%) e a disturbi alimentari (4%). Plurime sono anche le azioni indicate dallo psicologo per far fronte ai disagi con un vistoso aumento di invii al centro adolescenza e al ricorso al confronto coi docenti. Il conselling resta lo strumento più utilizzato, stabile il confronto con i genitori ed è stata molto utilizzata anche una nuova azione: il supporto all’orientamento scolastico.

L’aumento degli accessi agli sportelli scolastici ha riguardato anche le scuole medie (complessivamente 396, diversamente ripartiti tra i 10 Comprensivi), soprattutto in presenza (86%). Sono stati 290 gli accessi di studenti, per lo più ragazze (65%) e compare anche una piccolissima percentuale di non binary, come alle superiori.

Chi accede agli sportelli

A rivolgersi allo sportello sono soprattutto gli alunni di terza (46%) mentre lo scorso anno erano quelli di prima. Le richieste avanzate riguardano ansia scolastica (33%), demotivazione e difficoltà scolastica (30%), scarsa autostima (18%) ma anche problemi relazionali con altri studenti (15%) coi docenti (10%), con la classe (15%) e, in forte aumento, coi genitori (25%), la conflittualità con i pari (12,5) che sfocia anche in aggressività e i comportamenti disturbanti.

Il dato più singolare è però che, negli accessi agli sportelli presso le scuole medie, sono duplicate le richieste degli insegnanti che, già affaticati dalla pandemia, si sono trovati a gestirne le conseguenze in classe. “I ragazzi – spiegano le coordinatrici del Progetto - sono spesso descritti come demotivati e ansiosi, talvolta aggressivi fino a manifestare episodi di vandalismo e violenza all’interno e all’esterno della scuola. Se da una parte è aumentata la conflittualità in famiglia, dall’altra i genitori vengono descritti come sfuggenti e in difficoltà ad esercitare il ruolo genitoriale”. Altro segnale d’allarme è l’aumento dei disturbi legati alla condotta alimentare e dell’autolesionismo che cominciano a manifestarsi già tra gli studenti delle scuole medie.

Fondi confermati

Confermando l’importanza degli Sportelli scolastici all’interno della Rete di prevenzione e promozione del benessere in adolescenza, la Giunta ha dato l’ok alla delibera presentata dall’assessora Roberta Pinelli per finanziare il progetto anche per gli anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024, con possibilità di rinnovo per ulteriori due anni, e i relativi schemi di convenzione. E grazie alle ulteriori risorse stanziate, gli Istituti comprensivi potranno decidere se attivare in via sperimentale il progetto anche in talune scuole primarie dove se ne ravvisasse la necessità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ansia e conflitti, sempre più adolescenti si rivolgono agli sportelli scolastici

ModenaToday è in caricamento