menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alluvione, mille gli sfollati. Distribuzione dei pasti nelle case senza luce

Migliora la situaziona a Nonantola, dove la circolazione torna regolare sulle principali arterie. In 400 restano senza luce, ma arrivano i pasti a domicilio

È ancora rilevante, seppur in lento deflusso, la piena del Secchia, che resta sorvegliato speciale, insieme al Panaro. Il livello delle acque resta alto, anche se la piena sembra passare senza particolari e nuove criticità. Si sta gestendo bene il deflusso delle acque con il contributo fondamentale del Consorzio della Bonifica Burana, che sta convogliando in modo controllato le acque nel canale Torbido, liberando così aree sempre maggiori dei territori di Nonantola e Castelfranco Emilia.

La situazione più critica resta ovviamente quella di Nonantola, dove le autorità rivolgono un appello ai cittadini affinchè non lascino le proprie abitazioni se non in caso di stretta necessità. 

Per quanto riguarda l’assistenza alla popolazione, 40 cittadini sono attualmente ospitati in hotel e 4 persone positive al Covid sono ospitate in un hotel dedicato. I Vigili del Fuoco hanno effettuato nella giornata di oggi lunedì 7 dicembre circa 250 interventi (circa 1000 sfollati e diverse le operazioni per portare generi alimentari e farmaci) mentre sono stati oltre 40 i trasporti effettuati dal personale di Anpas Emilia Romagna. E’ proseguito anche il Servizio Veterinario con la messa in sicurezza di 2 maneggi e degli animali domestici di 6 famiglie che hanno richiesto il soccorso durante l’esondazione. 

Mentre continuano le operazioni di soccorso di Vigili del Fuoco e Protezione Civile, intorno alle 20 nelle zone dove sono state segnalate le maggiori criticità dovute all'esondazione inizierà la distribuzione di generi alimentari e di acqua.  Attenzione: i generi alimentari saranno portati esclusivamente nelle abitazioni, quindi non è necessario uscire. Per domani, martedì 8 dicembre, in tarda mattinata è stata prevista la distribuzione straordinaria di pane per ovviare la problematica dei numerosi forni chiusi.

Per quanto riguarda l’energia elettrica, è completamente risolta la situazione nella zona industriale di Nonantola che al momento è tutta alimentata e sono state riallacciate anche due stazioni base per la telefonia cellulare. Restano, sempre e solo a Nonantola, solo 400 utenze disalimentate (erano 1.800 a fine mattina).

La situazione più critica resta ovviamente quella di Nonantola, dove le autorità rivolgono un appello ai cittadini affinchè non lascino le proprie abitazioni se non in caso di stretta necessità.

Attraverso il deflusso delle acque nei canali consortili vengono man mano attivati micro-cantieri per la pulizia delle strade e delle case dai rifiuti definendo un percorso di smaltimento corretto, anche in modo differenziato, con l’attribuzione dei codici Cer (catalogo europeo rifiuti). Da domani asaranno al lavoro per lo sgombero di case e strade 120 unità specializzate con il contributo delle Regioni Piemonte, Lombardia e Veneto.

Contestualmente alle modifiche della viabilità riportate precedentemente, verrà aperto anche il passaggio al ponte Navicello Vecchio. La strada Provinciale 255 dalla Rotatoria Rabin al Navicello è già aperta. Inoltre verrà aperto anche il tratto dal Ponte Navicello alla rotatoria Modena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento