Attualità

Riaprono le piscine di Formigine e Sassuolo: "Sarà una festa"

Silvia Grandi, presidente di Nuova Sportiva, commenta la ripresa dell'attività all'aperto

Dopo mesi di chiusura forzata, finalmente Formigine e Sassuolo potranno riavere le loro piscine. Dal 29 maggio riaprono i due impianti natatori (entrambi gestiti da Nuova Sportiva) per l'attività corsistica e di nuoto libero. Gli staff sono al lavoro da settimane per riconsegnare agli appassionati di nuoto spazi vitali di benessere e socialità.

Entusiasta per questa ripartenza la Presidente di Nuova Sportiva, Silvia Grandi: "Stiamo facendo un lavoro incredibile per garantire le migliori condizioni e il miglior servizio a chi vorrà tornare a nuotare sin dal 29 maggio. L'idea di restituire a Sassuolo e Formigine questi due bellissimi spazi ci emoziona e da un senso profondo ai sacrifici di questi ultimi mesi. Rendere nuovamente disponibili luoghi di sport e di benessere alle famiglie, ai giovani e a chiunque abbia voglia di passare qualche ora in relax è un tuffo nella normalità di cui tutti avevamo bisogno. Il 29 sarà come una grande festa."

Ma le novità non finiscono con la ripartenza di fine maggio. Con la ripresa delle attività torna anche il servizio dei centri estivi, da sempre tra i fiori all'occhiello delle strutture gestite da Nuova Sportiva. "Il 7 giugno ripartiremo anche con i campus estivi. Siamo in attesa che gli organi competenti chiariscano i protocolli e definiscano il perimetro entro cui possiamo agire, ma una cosa è certa: il lavoro di queste settimane è orientato a creare le migliori condizioni per dare supporto alle famiglie nel momento di chiusura delle strutture scolastiche. Porteremo al solito la nostra esperienza e la passione dei nostri istruttori, che proprio in queste ore stanno definendo un fitto calendario di attività didattiche, socialità e benessere fisico per i tanti bambini e ragazzi che siamo certi anche quest'anno verranno a trovarci" conclude Grandi.

In un periodo molto critico per il settore, Nuova Sportiva lancia un segnale di speranza e orientato al futuro. "Stiamo operando in un momento complicato" prosegue Grandi "l'anno appena trascorso ha lasciato segni molto pesanti su un settore già in forte sofferenza. Il primo pensiero va ai tanti lavoratori rimasti senza reddito, alle famiglie che sono state toccate dagli effetti della pandemia non solo nella salute ma anche a livello economico. Ma crediamo fortemente nel nostro lavoro e nell'importanza per le comunità di dotarsi di adeguate strutture in cui praticare sport o potersi semplicemente incontrare. Per questo motivo continueremo ad investire con uno sguardo al dopo-domani, mettendo a disposizione di atleti, appassionati e famiglie la nostra passione e la solidità di una realtà che nonostante tutto sta continuando a crescere. Il nuoto è la nostra ragione di vita ed è il modo in cui Nuova Sportiva cerca di rendersi utile al territorio."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riaprono le piscine di Formigine e Sassuolo: "Sarà una festa"

ModenaToday è in caricamento