Appello dell'Avis a non fermare la raccolta: "I donatori possono muoversi"

Il Ministero della Salute include la donazione fra le “situazioni di necessità”. Anche nella generosissima Modena le donazioni stanno comprensibilmente rallentando

Il Ministero della Salute riconosce ai donatori la possibilità di andare a donare, in quanto la donazione di sangue, plasma e piastrine viene inclusa tra le “situazioni di necessità”. Lo stabilisce la circolare del 10 marzo della Direzione Generale della prevenzione sanitaria, a seguito delle nuove misure varate dal governo il  9 marzo e dei conseguenti provvedimenti del Centro nazionale sangue. Il documento del ministero ribadisce che le attività di donazione rientrano tra i livelli essenziali di assistenza sanitaria (LEA) e tiene conto di un calo generale della raccolta che sta determinando il rinvio degli interventi chirurgici non urgenti e potrebbe compromettere le terapie trasfusionali necessarie ogni giorno a oltre 1800 pazienti in Italia.  

Anche l'Avis provinciale di Modena  nei primi dieci giorni di marzo ha registrato un calo di circa il 10% nella raccolta, ma le scorte rimangono ad ora più che sufficienti per coprire le attività trasfusionali nelle strutture sanitarie della provincia. I donatori che in questi giorni sono invitati a recarsi nelle sedi Avis, se fermati per un controllo  dovranno compilare l’autodichiarazione di spostamento barrando la voce “situazione di necessità”. Dopo la donazione Avis rilascerà una specifica certificazione o, in caso di non idoneità, una dichiarazione.

Le raccomandazioni da seguire per chi dona sono quelle indicate dal Centro nazionale sangue: donare solo se si è in buona salute, evitare gli affollamenti nelle sale d’attesa, segnalare al Servizio Trasfusionale l’insorgere di episodi febbrili nei 14 giorni successivi alla donazione.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I centri di prelievo e il personale sanitario di Avis hanno da parte loro adottato tutte le misure sul controllo della salute dei donatori e sulla sicurezza degli ambienti previste dalla normativa, che permettono di svolgere regolarmente le attività di donazione in tutte le Avis della provincia sempre “aperte per dono”.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

  • Piano antismog, dal gennaio 2021 blocco per diesel Euro 4 (ed Euro 5)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento