menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terapia Intensiva, apre la seconda parte dell'Hub del Policlinico. Già occupata la metà dei letti

Completato il secondo modulo dell’Hub di Terapia Intensiva al Policlinico di Modena, la visita del Magnifico Rettore e del Presidente eletto di Facoltà. Una struttura d0avanguardia già in piena attività

Lunedì scorso, 21 dicembre, con l’attivazione della seconda tranche di 13 posti letto al Policlinico, si è completata la dotazione di posti letto modenesi realizzati nell’ambito dell’Hub nazionale e regionale delle terapie intensive voluto per far fronte all’emergenza COVID-19. Un primo modulo da 17 posti era stato terminato il 9 dicembre.

Questi 30 posti completano la dotazione di 48 posti letto complessivi di Terapia Intensiva della città capoluogo: 18 all’Ospedale Civile di Baggiovara e 30 al Policlinico di Modena. Rimangono da terminare alcune opere esterne all’edificio, che è comunque pienamente funzionante e a norma. Questo consentirà di liberare 22 posti letto nei Blocchi Operatori riportando i comparti operatori alla destinazione d’uso originaria con una positiva ricaduta sull’attività chirurgica.

VIDEO | Nuova Hub di Terapia Intensiva del Policlinico, il dottor Busani spiega come funziona

Oggi, coerentemente con le esigenze di ricovero di pazienti COVID positivi, sono 225 i posti attivi Covid in degenza ordinaria e 72 tra intensiva/semintensiva, di cui rispettivamente 143 e 42 al Policlinico e 82 e 30 all’Ospedale Civile. Risultano attualmente occupati: 240 posti letto complessivi: 184 in ordinaria e 56 intensiva e semintensiva.

Stamattina le autorità accademiche di Unimore hanno visitato la struttura. Alla visita erano presenti, tra gli altri, il Sindaco di Modena e Presidente della CTSS Gian Carlo Muzzarelli, Direttore Generale dell’AOU di Modena, dottor Claudio Vagnini, il Magnifico Rettore di UNIMORE, prof. Carlo Adolfo Porro, il Presidente Eletto della Facoltà di Medicina e Chirurgia prof. Giorgio De Santis, il Direttore Generale dell’Azienda USL di Modena, dottor Antonio Brambilla, la dottoressa Angela Putignano, in rappresentanza del Direttore delle Professioni Sanitarie AOU di Modena, il Direttore della Terapia Intensiva dell’Ospedale Civile, dottoressa Elisabetta Bertellini, il Direttore della Terapia Intensiva del Policlinico, prof. Massimo Girardis, il Direttore delle Malattie dell’Apparato Respiratorio e del corso di laurea in Fisioterapia, prof. Enrico Clini, del il Direttore della Medicina Interna e Area Critica dell’Ospedale Civile dottor Giovanni Pinelli, la Presidente del Corso di laurea in Medicina e Chirurgia, prof.ssa Fausta Lui, il Direttore della scuola di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione, prof. Alberto Barbieri e le Presidenti dei Corsi di Laurea in Infermieristica, prof.ssa Paola Ferri e prof.ssa Daniela Mecugni.

VIDEO | Situazione della Terapia Intensiva: Girardis:"Uno su tre non esce"

La visita è stata l’occasione per fare il punto sull’impegno dell’Ateneo, oltre che nella ricerca scientifica sul SARS-CoV-2, nella formazione di giovani medici e infermieri che hanno dato il loro forte contributo in questi mesi alla gestione della pandemia. L’incontro ha consentito anche di ragionare sulla Terapia Intensiva, come parte di un percorso terapeutico che coinvolge anche la semi-intensiva, ospitata nel MIAC dell’Ospedale Civile e nelle Malattie dell’Apparato Respiratorio del Policlinico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento