Sabato, 31 Luglio 2021
Attualità

Architetti e ingegneri in piazza per la prevenzione sismica

Domenica 30 settembre, gli Ordini provinciali degli Architetti e degli Ingegneri saranno presenti a Modena, Carpi e Pavullo con tre punti informativi sulla prevenzione sismica. I cittadini potranno recarsi, dalle 10 alle 17, in Piazza Matteotti a Modena, Piazza Martiri a Carpi e Piazza Borelli a Pavullo per ottenere, direttamente dagli esperti in materia, informazioni sul rischio sismico e sulle variabili che possono incidere sulla sicurezza di un edificio (modalità costruttive, area di costruzione, normativa esistente al momento dell’edificazione, eccetera). Presso i punti informativi sarà anche possibile richiedere una visita tecnica gratuita a domicilio, con le quali Ingegneri ed Architetti esperti effettueranno una prima valutazione dello stato di sicurezza dell’edificio ed illustreranno i possibili interventi di mitigazione del rischio, finanziabili con l’incentivo statale Sisma Bonus ed Eco Bonus.

L’iniziativa è realizzata anche nella nostra provincia in occasione della 1° edizione della Giornata Nazionale della prevenzione sismica - promossa dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, dal Consiglio Nazionale degli Architetti e dalla Fondazione Inarcassa - che si propone di diffondere tra i cittadini la cultura della prevenzione, accrescere la conoscenza del rischio sismico del territorio, avviare un concreto miglioramento delle condizioni di sicurezza del patrimonio immobiliare del nostro Paese.

Inoltre, a partire dalle ore 10, presso la Sala ex Oratorio del Palazzo dei Musei di Modena si terrà un convegno di studi che vedrà il confronto e le relazioni di tecnici esperti sui temi della prevenzione e della conoscenza della sismicità nel nostro territorio. I lavori inizieranno con la presentazione dell’iniziativa di prevenzione sismica “Diamoci una scossa!”, a cura di Sandra Losi (referente per l’Ordine degli Architetti di Modena) e Tommaso Colella (Ordine degli Ingegneri di Modena). Gli aspetti fiscali del Sisma Bonus, saranno illustrati da Sandro Grisendi, Presidente ANCE Modena, cui seguirà un interessante excursus su duemila anni di terremoti e ricostruzioni in Italia, a cura della prof.ssa Emanuela Guidoboni dell’INGV-Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia. Parimenti interessante sarà la relazione sugli effetti socioeconomici dei terremoti che terrà la prof.ssa Margherita Russo del Dipartimento di Economia di UniMoRe. L’ultimo intervento sarà dedicato ad illustrare le attività didattiche e di laboratorio per una maggiore consapevolezza del rischio sismico, a cura di Giovanni Manieri, collaboratore volontario della rete interregionale tra scuole secondarie RESISM.

La prima edizione della Giornata Nazionale della prevenzione sismica vede il supporto scientifico del Consiglio superiore dei Lavori pubblici, del Dipartimento Protezione civile, della Conferenza dei Rettori Università Italiane e della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria sismica. In ambito locale l’iniziativa gode del patrocinio del Comune di Modena e dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Architetti e ingegneri in piazza per la prevenzione sismica

ModenaToday è in caricamento