rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità Sassuolo / Viale Adige

Un nuovo hub logistico contro lo spreco alimentare nel distretto, inaugura Arnia

Sabato 16 marzo inaugurazione a Sassuolo del polo distrettuale che coinvolge oltre 20 realtà associative sul territorio

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

Sabato 16 marzo, dalle ore 10, inaugura, con un ricco programma di iniziative, “ARNIA, la Dispensa del distretto”, un progetto di contrasto allo spreco alimentare promosso da più di 20 realtà che, nel distretto ceramico, si occupano di sostegno alle famiglie fragili.  ARNIA è l’hub logistico distrettuale, ossia il luogo unico di raccolta delle eccedenze alimentari recuperate sul territorio, che poi vengono ridistribuite equamente ai punti di sostegno alimentare dei vari Comuni. 

La sede provvisoria si trova in via Adige 1 a Sassuolo, ma verrà trasferita, in modo definitivo, in un capannone a Fiorano Modenese, confiscato alla criminalità organizzata, recentemente assegnato al Comune.

Il progetto “ARNIA, la Dispensa del distretto” è promosso e sostenuto  dall’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico e gestito dall’associazione Il Melograno, in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato (CSV) Terre Estensi, con la partecipazione delle Caritas dei Comuni del Distretto ed altri enti del terzo settore.

“Progetti come questi sarebbe meglio non doverli fare. – evidenzia l’assessore ai Servizio Sociali dell’Unione e sindaco di Fiorano Modenese, Francesco Tosi - La Dispensa del distretto infatti risponde al bisogno di generi di prima necessità, in questo caso il cibo, di famiglie e singoli in estrema povertà. Questa però è la realtà e un progetto di questo tipo è molto positivo, pensato e condotto dai Comuni insieme con la società civile. Per di più, la sede che viene inaugurata è provvisoria in quanto il progetto si trasferirà appena possibile a Fiorano Modenese in un locale con grandi potenzialità, confiscato dallo Stato alla criminalità organizzata e assegnato al Comune per scopi sociali. È indubbiamente un bell’esempio di affermazione della legalità unita alla solidarietà verso gli ultimi.” 

Piera Cavazzoni, presidente dell’associazione Il Melograno sottolinea: “Più di un terzo del cibo prodotto in tutto il mondo viene buttato via. Lo spreco alimentare è calcolato in 1,4 miliardi di tonnellate di prodotti alimentari e in 800 miliardi di dollari. L'obiettivo di ARNIA è quello di ridurre lo spreco alimentare, salvaguardare l'ambiente, promuovere una cultura nuova e rispettosa della società in cui viviamo. L’hub si occuperà di recuperare quante più eccedenze alimentari possibili sul territorio, in modo che non vengano sprecate e che la loro distribuzione possa essere ottimizzata sia equa per tutti i punti di sostegno alimentare del distretto.”

Sabato 16 marzo, l’inaugurazione di “ARNIA, la Dispensa del distretto”, vedrà alle ore 10.00 il taglio del nastro alla presenza delle Autorità del distretto ceramico e poi proseguirà nell’arco della giornata con diverse iniziative legate al valore del cibo. Subito dopo il taglio del nastro sarà possibile visitare i locali dove è allestita la mostra “Il segreto: da scarto a risorsa”. Seguirà un rinfresco a cura di Emporio solidale Il Melograno. In serata, alle ore 18.00, presso il Salone del Pellegrino, a fianco della Basilica di Fiorano Modenese (piazzale Giovanni Paolo II) l’intervento della fotoreporter Annalisa Vandelli dal titolo “Cibarsi non è nutrirsi: viaggio intorno al valore del cibo”, viaggio, cibo e senso con lo sguardo di una esploratrice di mondi, quale è Annalisa

A seguire la tavola rotonda su spreco alimentare, recupero e cura della comunità moderata da Claudio Corrado con interventi di Legambiente (Lo spreco alimentare e gli effetti sull’inquinamento), Banco Alimentare Emilia Romagna (Il valore del recupero alimentare), don Roberto Montecchi, parroco di Fiorano (Enciclica “Laudato sii”) e la testimonianza di giovani volontari (Prendersi cura della comunità)

Alle ore 20.30, sempre presso il Salone del Pellegrino a Fiorano Modenese, cena conviviale “Il pane di ieri”, a sostegno delle attività dell'hub alimentare. Il pane diventa protagonista di piatti della tradizione con un menù che prevede: bruschette miste, bis di primi (ribollita toscana e canederli), bis di secondi (polpette al sugo e crumble di verdure) e torta di pane. Su richiesta è disponibile l’opzione vegetariana. La prenotazione è obbligatoria entro il 12 marzo alla mail progetto@emporiomelograno.it. Offerta libera a partire da 35 euro per persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo hub logistico contro lo spreco alimentare nel distretto, inaugura Arnia

ModenaToday è in caricamento