rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Attualità

Cgil verso il congresso 2023, partite le assemblee locali

Nelle assemblee sono coinvolti 109.176 iscritti al sindacato (sono 117.465 le deleghe sottoscritte nel 2021) e all’assise provinciale conclusiva di gennaio parteciperà una platea composta da 420 delegati, ai quali si devono aggiungere tutti gli invitati delle rappresentanze istituzionali, politiche, sociali ed economiche cittadine, per un totale di circa 500 persone

Sono in corso di svolgimento le assemblee nei luoghi di lavoro, fra i disoccupati e fra i pensionati nell’ambito del percorso del 19° congresso Cgil che proseguirà, a dicembre, con i congressi di categoria e si concluderà l’11-12-13 gennaio 2023 con il congresso provinciale della Cgil di Modena. Si tratta di un momento di grande partecipazione e coinvolgimento degli iscritti e delle iscritte, o di chi intende iscriversi, un profondo esercizio di democrazia che ridiscute dal basso le linee di azione futura del sindacato.

Il congresso Cgil Modena rientra nel percorso del 19° congresso nazionale Cgil, avviato con il Comitato Direttivo nazionale del 31 maggio, poi sospeso nel Direttivo del 21 luglio a causa delle elezioni politiche del 25 settembre. Formalmente il percorso congressuale è poi ripartito subito dopo le elezioni.

A Modena è stato avviato con il Direttivo del 14 luglio 2022 e prevede lo svolgimento in queste e nelle prossime settimane di alcune migliaia di assemblee di base (nei luoghi di lavoro, tra i precari, nelle leghe dei pensionati e fra i disoccupati), 12 congressi provinciali di Categoria, per arrivare al Congresso provinciale a gennaio 2023.

Nelle assemblee sono coinvolti 109.176 iscritti al sindacato (sono 117.465 le deleghe sottoscritte nel 2021) e all’assise provinciale conclusiva di gennaio parteciperà una platea composta da 420 delegati, ai quali si devono aggiungere tutti gli invitati delle rappresentanze istituzionali, politiche, sociali ed economiche cittadine, per un totale di circa 500 persone.

Poco meno della metà degli iscritti (49%) appartiene al sindacato pensionati Spi/Cgil che rappresenta quindi la prima categoria della Cgil, mentre i metalmeccanici della Fiom sono la prima categoria fra gli attivi, seguiti dagli iscritti alla categoria commercio-servizi Filcams, dai dipendenti pubblici-privato sociale-igiene ambientale della Fp e dai chimici-ceramisti-tessili-energia della Filctem.

La discussione del 19° Congresso Cgil si svolge su 2 documenti contrapposti: il documento di maggioranza “Il lavoro crea il futuro” di cui è primo firmatario il segretario generale della Cgil Maurizio Landini ed è sottoscritto da tutti i componenti del Comitato Direttivo nazionale, ad eccezione di 6 componenti che hanno presentato il documento di minoranza “Le radici del sindacato. Senza lotte non c’è futuro”, prima firmataria Eliana Como.

A Modena, il documento Landini è sostenuto dal segretario generale della Cgil Daniele Dieci, dalla Segreteria confederale e da tutti i segretari di Categoria. “Mai come oggi – afferma Daniele Dieci segretario uscente Cgil Modena – il congresso rappresenta un momento di straordinaria importanza per la nostra organizzazione. Le sfide della contemporaneità ci devono spingere verso la modernizzazione del fare sindacato oggi, andando incontro alle nuove esigenze delle persone, ad un mercato del lavoro oramai de-composto e ad un livello di disuguaglianza economica, sociale e di opportunità intollerabile.

E non c’è metodo migliore se non quello di ripensarci, aprendoci alla valutazione e ai contributi di tutti i nostri iscritti ed iscritte, mettendo assieme le intelligenze, le intuizioni, le passioni e la forza della gente che rappresentiamo per garantirci ancora una volta di poter essere davvero uno strumento di emancipazione e libertà, nelle mani di tutte e tutti.”

La conclusione delle assemblee di base è prevista a inizio dicembre, poi dal 6 al 21 dicembre si svolgeranno i congressi di categoria per arrivare alla conclusione dell’iter congressuale l’11-12-13 gennaio 2023 al Forum Monzani con l’elezione degli organismi dirigenti modenesi (Direttivo e Segretario) e dei delegati al congresso regionale Cgil (Cervia 1-3 febbraio 2023). Il percorso congressuale si concluderà con l’assise nazionale a Rimini il 15-18 marzo 2023.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil verso il congresso 2023, partite le assemblee locali

ModenaToday è in caricamento