rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Attualità Mirandola

Attrezzature spostate dal Punto Nascita di Mirandola: la Lega protesta, l'Ausl chiarisce

L'azienda sanitaria: "Spostati alcuni strumenti per consentire l’avvio di nuove attività chirurgiche. Rimangono al Santa Maria Bianca le strutture per l’assistenza al travaglio-parto"

"Per consentire l’avvio, dalla prossima settimana, di nuove attività di chirurgia ginecologica - e non solo - nella sala operatoria presente all’interno del reparto, a servizio delle donne del Distretto di Mirandola, e più in generale di tutta la provincia, è stato necessario spostare attrezzature mobili al momento non utilizzate. Si è stabilito di portarle nel punto più vicino per lo stoccaggio, mancando al Santa Maria Bianca uno spazio adeguato per la conservazione in sicurezza. Si tratta di attrezzature leggere e facilmente spostabili mentre rimangono a Mirandola, oltre alla vasca ed altre importanti strumentazioni, tutte le apparecchiature necessarie per gestire in sicurezza un eventuale parto precipitoso e inoltre è stata allestita una nuova area dedicata nell’ambito della sala parto in acqua".

Lo precisa l'Ausl in una nota replicando alla denuncia a mezzo stampa arrivata dalla Lega mirandolese, con il consigliere Guglielmo Golinelli che aveva attaccato duramente: "Nel pomeriggio di oggi, in maniera furtiva sono state portate via tutte le strumentazioni e le attrezzature dal punto nascite di Mirandola. Una mossa che conferma la nulla volontà di aspettare il parere del Governo, che era diventata evidente con la chiusura operata in maniera preventiva rispetto a qualsiasi risposta, per tenere aperto un punto nascite chiuso esattamente con la medesima modalità già operata a Pavullo. La cosa grave, e particolarmente deprecabile, riguarda il trasferimento delle attrezzature al “Ramazzini”: anche questa non è una novità e, come già successo in passato, quando vari strumenti donati dall'Associazione “La Nostra Mirandola” all’Ospedale Santa Maria Bianca - per la bassa modenese e per i suoi medici in servizio – finirono trasferiti senza alcuna comunicazione a Carpi".

L'Azienda Sanitaria tuttavia non ci sta e fornisce la sua spiegazione, aggiungendo che grazie alla riorganizzazione" sarà così possibile garantire un potenziamento del reparto durante il periodo di sospensione dell’attività di travaglio-parto, contribuendo non solo all’aumento dell’offerta chirurgica, ma anche al mantenimento dell’attrattività della stessa unità operativa per i professionisti che vi lavorano o vi lavoreranno".

"Ogni pubblica amministrazione del Paese deve agire in base ai principi di efficienza, efficacia ed equità nella propria azione, principi ancor più validi e necessari se questa azione si compie in ambito sanitario. Giornalmente attrezzature medico-sanitarie vengono spostate nelle varie strutture sanitarie di tutta la provincia, per assicurare l’adeguatezza degli spazi e le cure ai cittadini modenesi. L’Azienda USL respinge dunque al mittente le accuse e rinnova il suo impegno a servizio delle donne di tutta la provincia, a garantire la migliore assistenza nei contesti più appropriati", chiosa la nota.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attrezzature spostate dal Punto Nascita di Mirandola: la Lega protesta, l'Ausl chiarisce

ModenaToday è in caricamento