menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola e Covid, a Formigine l'aula più "verde" che ci sia

Al via il progetto per un’Aula Verde nel giardino della scuola Don Milani di Casinalbo

Valorizzare gli spazi verdi della scuola, riorganizzandoli affinché non rappresentino solo un luogo nel quale svolgere attività ludico-ricreative ma siano veri e propri spazi didattici dove fare scuola. E' questo l'obiettivo del progetto "In giardino non solo a ricreazione", avviato nella scuola Don Milani di Casinalbo in continuità con il più ampio percorso “Scuola-Casa-Comune”.

Il tema dell'educazione outdoor, grazie all'allestimento di un’aula in giardino  protetta da una copertura tale da renderla utilizzabile durante tutto l’anno scolastico, diventerà quindi una realtà, anche grazie al fondamentale contributo dei genitori. L’area all’aperto, in ambiente naturale, permetterà quindi il contatto diretto con la terra e con il sole, diventando una risorsa educativa e didattica di grande valore. L'aula verde sarà utilizzabile da una classe alla volta ed acquisisce maggior rilevanza considerato lo stato di emergenza attuale, inserendosi tra le strategie utili a contenere la diffusione del contagio da Sars-covid19, così come indicato nel Piano Scuola 2020/2021.

Nel complesso i lavori consistono nell'acquisto - e successivamente nella posa nell'area individuata - di sei tavoli autoportanti in legno da esterno, di cui uno provvisto di allungo per l’accesso facilitato di alunni con disabilità, con venticinque postazioni distanziate tra loro di un metro lateralmente e frontalmente, da parte del comitato genitori per un totale di 5.000 euro circa. Tutte le postazioni saranno protette da una copertura capace di proteggere dal sole, dal calore e dalla pioggia che acquisterà il Comune.

“Grazie al progetto ‘Scuola-Casa-Comune’ prosegue la collaborazione avviata l’anno scorso con la risistemazione del teatro delle Don Milani da parte di genitori e nonni volontari” ha spiegato l’Assessore Simona Sarracino, approfondendo il valore di questa scelta: “La proposta di quest’anno realizzata dagli insegnanti e dai genitori coglie il tema strategico dell’educazione outdoor. Stare all’aria aperta, insieme ai propri coetanei, accresce le capacità sociali dei bambini che messi in un contesto diverso da quello dell’aula al chiuso adottano nuove modalità relazionali, oltre ad aumentare la loro consapevolezza verso il tema del rispetto dell’ambiente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Emilia-Romagna 1.208 nuovi positivi, di cui metà asintomatici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento