rotate-mobile
Attualità

Rette delle Cra, nell'Area Nord gli aumenti saranno coperti dall'Unione dei comuni

L'Unione “assorbe” gli aumenti regionali che ricadrebbero sulle famiglie, in attesa di una ridefinizione dei criteri Isee

L’Unione Comuni Modenesi Area Nord, nei giorni scorsi, con una delibera di Giunta ha provveduto, a partire da questo mese, a coprire con fondi propri gli aumenti delle tariffe dei servizi residenziali per anziani e disabili, come le CRA (Centri Residenziali per Anziani non autosufficienti) di San Felice sul Panaro, Concordia sulla Secchia e Finale Emilia, o il Centro Nuovo Picchio, sempre a San Felice.

Una decisione seguita al provvedimento con cui la Regione Emilia-Romagna ha adeguato di 4,10 euro all’ora le tariffe e il passaggio, lo scorso dicembre, in Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria (CTSS), durante la quale è stato discusso il tema a livello distrettuale. Indipendentemente dagli ulteriori 10 milioni di euro che la Regione ha poi stanziato sul Fondo sociale regionale a sostegno in particolare delle famiglie a reddito medio-basso, UCMAN “assorbirà” dunque gli aumenti delle tariffe fino a tutto luglio 2024, riservandosi di provvedere alla medesima copertura anche per il periodo successivo, una volta effettuata la rideterminazione del sistema di contribuzione su base ISEE.

“Un impegno che come sindaci dell’Unione abbiamo preso insieme e insieme mantenuto – commenta Lisa Luppi, sindaca di Cavezzo con delega UCMAN ai Diritti sociali – per fare un altro passo concreto nella direzione giusta, cioè quella di un sistema di servizi alla persona più equo, efficace ed efficiente. Cogliamo favorevolmente le ultime decisioni della Regione e in generale un approccio che prevede la creazione di tavoli di lavoro, per consentire un confronto permanente con Comuni e Sindacati”.

“Servizi di alta qualità garantiti a tutti, specie a chi convive con situazione di fragilità – conclude Alberto Calciolari, sindaco di Medolla e presidente UCMAN – sono un tratto distintivo di questo territorio, e per rimanere tali devono potersi aggiornare, in un modo che parta sempre dalle esigenze dei cittadini. Come Unione abbiamo preso una decisione a livello territoriale grazie a una visione comune in questo ambito, così decisivo per la qualità della vita di tante persone”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rette delle Cra, nell'Area Nord gli aumenti saranno coperti dall'Unione dei comuni

ModenaToday è in caricamento