Nove auto a supporto dell’attività domiciliare per gli specialisti della Neuropsichiatria Infantile

Nuovi mezzi acquisiti grazie a parte delle donazioni ricevute tramite #aiutocovid19, saranno messi a disposizione degli operatori per agevolare le nuove modalità di assistenza

Il ricorso alla telemedicina e un maggior impulso all’assistenza dei pazienti al domicilio, al fine di ridurre ulteriormente gli accessi alle strutture sanitarie. Sono questi alcuni degli elementi chiave della sanità del prossimo futuro e tra i diversi servizi che si stanno riorganizzando in quest’ottica c’è la Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (NPIA), servizio territoriale che segue ogni anno circa 12mila pazienti nella fascia d’età 0-18 nei sette Distretti sanitari della provincia di Modena.

Gli spostamenti degli operatori sono dunque sempre più necessari e frequenti, per effettuare le visite e i trattamenti ai piccoli pazienti al domicilio o nei contesti di vita, per l’attività di prescrizione e collaudo degli ausili e il supporto a favore dei genitori: per questo motivo l’Azienda USL di Modena ha acquisito nove automobili, Fiat Panda con doppia alimentazione GPL/benzina, del valore complessivo di oltre 100mila euro.

L’investimento, con cui prosegue il rinnovo del parco mezzi aziendale con l’obiettivo di arrivare a una mobilità sempre più ecosostenibile, è stato possibile attingendo al canale #aiutocovid19, dove sono confluite le numerose donazioni giunte da associazioni, aziende e privati cittadini a supporto dell’emergenza coronavirus.

Fondamentali durante la fase 1 per supportare il personale sanitario nella gestione dell’assistenza ai pazienti Covid, le donazioni si dimostrano preziose anche e soprattutto in un momento come quello attuale, in cui è necessario rendere ancora più sicuro l’accesso alle prestazioni sanitarie, attivando nuove modalità assistenziali per ridurre al minimo il rischio di contagio, per la sicurezza di operatori e pazienti, che in questo caso sono i bambini.

Delle nove automobili, sette saranno dislocate nelle altrettante sedi della NPIA nei vari distretti sanitari, mentre le restanti due andranno a potenziare il parco mezzi del Dipartimento di Salute Mentale, a cui la Neuropsichiatria infantile afferisce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie alla generosità e al senso di comunità di tante persone, il servizio di Neuropsichiatria Infantile – sottolinea il direttore Paolo Soli – oggi può dotarsi di nuovi mezzi, a supporto della nostra attività a favore dei pazienti e delle loro famiglie, come peraltro stabilito dalla Regione Emilia-Romagna nell’indicare la strada per la ripresa dopo la fase di picco dell’emergenza Covid. Gli operatori dovranno spostarsi molto più di prima e con queste nuove auto sarà più semplice farlo: grazie di cuore a tutti i donatori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento