Bambini nei campi profughi Saharawi, in 41mila sottoposti a screening sanitario

Sono oltre 70 i bambini, curati a Modena e provenienti dai campi profughi algerini, che negli ultimi anni sono stati sottoposti allo screening sanitario. L’obiettivo, prevenire e curare la calcolosi infantile

Oltre 41 mila bambini saharawi hanno effettuato, negli ultimi dieci anni, lo screening sanitario, nell'ambito del progetto, promosso dall'associazione modenese "Kabara Lagdaf", per la prevenzione e la cura della calcolosi infantile nei campo profughi del deserto algerino; oltre 70 sono stati curati anche a Modena con la collaborazione degli enti locali.

I risultati della campagna sanitaria sono stati illustrati nel corso di un incontro nella sede della Provincia, martedì 17 giugno, al quale hanno partecipato Stefano Vaccari, presidente dell'associazione, Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena, sindaci e rappresentanti dei Comuni e dell'associazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rapporto è stato illustrato da Mulay Ahmed Mustapha Dioumani, direttore dell'ospedale nazionale Saharawi. Nel corso dell'incontro è emerso che il progetto sanitario proseguirà e l'attività di screening sarà estesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • LE FOTO | Modena, posti di blocco ad est e ovest della città "fantasma"

  • Produzione ferma per troppe malattie, l'azienda prepara la denuncia poi ritratta

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

  • Record di nuovi casi positivi a Modena. Le vittime salgono di altre 11

Torna su
ModenaToday è in caricamento