Richiedenti asilo, in 1.400 ancora "senza casa". Si fa avanti solo Porta Aperta

L'ultimo bando promosso dalla Prefettura ha assegnato solo 68 posti su 1.400. Proga con i vecchi costi di gestione fino al 20 maggio

A seguito delle procedure di gara bandite nel 2019 dalla Prefettura sul versante dell'ospitalità dei richiedenti asilo è stato possibile aggiudicare 68 posti al Centro Porta Aperta, insufficienti a fronte dell'esigenza di ospitare i circa 1.400 richiedenti asilo presenti nei Centri di Accoglienza Straordinaria in provincia.

I ripetuti tentativi di appalto dell'accoglienza svolti dalla Prefettura con le nuove tariffe volute dal decreto Salvini continuano perciò a rivelarsi vani, in quanto le cooperative del territorio ritengono insostnibili i costi del servizio. Succede ripetutamente da mesi e nulla sembra destinato a cambiare, men che meno a Roma, dove il nuovo Governo non ha affrontato la questione. Il giro di vite coluto dall'ex Ministro dell'Interno resta, a discapito del cambio di maggioranza.

La Prefettura di Modena non ha quindi potuto fare altro che rigiocare la stessa carta e pubblicare nuovi Avvisi pubblici. Comper i precedenti bandi, questi riguardano tre tipologie di centri di accoglienza - singole unità abitative, centri collettivi fino a 50 ospiti e centri collettivi da 51 a 300 ospiti - per consentire la più ampia possibilità di partecipazione. Il termine ultimo per la presentazione delle istanze è il 20 dicembre 2019 alle ore 12.00.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo sono state prorogate le convenzioni con gli altri enti gestori aggiudicatari delle precedenti gare, a costi rimodulati fino al 31 maggio 2020 o fino alla conclusione delle procedure in corso qualora intervengano anticipatamente. Di fatto la cifra per l'accoglienza è stata ridotta, in una sorta di compromesso tra il prezzo giornaliero precedente e quello fissato dal Decreto Salvini, l'unica "via di mezzo" sostenibile per le coop modenesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid, 15 casi a Modena. Oltre la metà da contagio famigliare

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento