menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aumento dei contagi a Modena, Bonaccini: “Pronto a firmare nuove ordinanze”

Il Presidente di regione: “Misure simili a Bologna se sindaci e Asl lo riterranno necessari”

Se la situazione dovesse peggiorare anche in altre province dell'Emilia-Romagna, la Regione è pronta a emanare una delibera come quella che ha decretato l'ingresso dell'area metropolitana di Bologna in zona arancione scuro e la chiusura delle scuole. "Se ci sono aumenti di contagi tra la popolazione più giovane, cosa che non accadeva nelle altre ondate, sentendo l'Asl e gli amministratori locali, siamo pronti a firmare, come ho fatto con Bologna, la stessa cosa in altri territori. Bisogna controllare quotidianamente la situazione e intervenire se è necessario", dice il presidente della Regione Stefano Bonaccini. 

Insomma, dopo il capoluogo emiliano, potrebbe toccare ad altri. "A Modena i contagi sono cresciuti come ovunque, credo che i sindaci, assieme ai dirigenti delle Asl siano nelle condizioni di valutare se fare richieste simili a quelle di Bologna", aggiunge a margine dell'inaugurazione del vivaio realizzato da una coop sociale a Scandiano, in provincia di Reggio Emilia. "Per la prima volta dall'inizio della pandemia, questa terza ondata vede la variante inglese colpire soprattutto i più piccoli. Abbiamo numeri che non vedevamo da molti mesi, dobbiamo fare il possibile", ammonisce.

Bonaccini parla anche"Faccio un appello al governo e alle istuzioni europee: bisogna che arrivino più vaccini. Noi siamo una regione che riuscirebbe a vaccinare oltre un milione di emiliano-romagnoli al mese, 40.000 al giorno. è sconfortante non poterlo fare. Se avessimo le dosi entro l'estate vaccineremmo tutti. Purtroppo, sono arrivate meno dosi quello che si prevedeva. Ci è stato comunicato che entro fine marzo arriveranno oltre mezzo milione di dosi, ma bisogna accelerare ulteriormente", ripete a margine di un evento a Scandiano, in provincia di Reggio Emilia, confermando l'Emilia-Romagna non intende acquistare autonomamente lotti di vaccino. "è l'Unione Europea che li acquista dalle multinazionali. Multinazionali che in questo momento sono inadempienti rispetto ai contratti che hanno firmato: è una cosa gravissima perchè hanno ricevuto soldi pubblici. Il vaccino deve essere un bene pubblico. Io mi auguro che il Governo riesca a far produrre nel nostro Paese i vaccini di quelle multinazionali che hanno fatto male i calcoli sulla produzione", scandisce.

(DIRE)

Covid, 497 contagi e 24 ricoveri oggi in provincia. Tanti casi nel distretto ceramico

Coronavirus,  2.542 nuovi positivi in regione. Si alza la percentuale

Vaccini covid, si aprono le prenotazioni anche per gli anziani fra gli 80 e gli 84 anni

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento