menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, nelle ultime due settimane boom di focolai scolastici in regione

Donini spiega come la variante inglese sia ormai preponderante. Positivi 3.200 alunni solo in febbraio

Ha superato la soglia di guardia il numero di ricoveri in terapia intensiva in Emilia-Romagna. Lo conferma Raffaele Donini, assessore regionale alla Sanità, ascoltato questa mattina in commissione Politiche della salute.

"La situazione epidemiologica, qui come in altre regioni presenta un fatto inedito dall'inizio della pandemia- spiega Donini- perchè nel periodo di calo dei contagi, con l'Emilia-Romagna in zona gialla, ha iniziato a insinuarsi la variante del virus che ad oggi stimiamo preponderante rispetto al ceppo originale". Questo, continua l'assessore, "ha provocato un'impennata dei contagi in maniera riguardevole, che desta preoccupazione". 

Oggi, dunque, in Emilia-Romagna "abbiamo una soglia di occupazione dei letti del 39%, quindi in sostanza al livello di guardia, e un tasso di saturazione delle terapie intensive al 31%, quindi al di sopra della soglia di guardia- afferma Donini- ricordo che fino a 10 giorni fa eravamo invece abbondantemente sotto". Quindi, sottolinea l'assessore, "c'è anche una maggiore fatica nella gestione dei reparti ospedalieri. Altre volte siamo stati in zona arancione, ma oggi non abbiamo la certezza di una discesa della curva perchè la diffusività della variante non è mai stata valutata in base alle fasce previste nel dpcm". Per questo, spiega Donini, "abbiamo guardato i territori con maggiore incidenza di contagio e condiviso con tutti gli enti locali e le aziende sanitarie misure aggiuntive alla fascia arancione per mettere al riparo la fascia scolastica e avere una minore circolazione delle persone. Ma la situazione è in continua evoluzione, come dimostra Bologna".

Nelle ultime due settimane in Emilia-Romagna c'è stato "un picco senza precedenti" di contagi tra i bambini e i ragazzi in età scolastica. Lo rimarca Raffaele Donini: "Dal 14 settembre 2020 all'1 marzo 2021- snocciola i numeri Donini- abbiamo avuto 18.197 studenti che si sono contagiati e 3.043 tra il personale scolastico. Ma nelle ultime due settimane abbiamo avuto 3.233 studenti, cioè il 18%, e 483 lavoratori, cioè il 15%, che si sono contagiati, un picco che non ha paragoni coi mesi precedenti". I focolai invece sono "2.528 da ottobre a oggi, di cui 651 in febbraio", sottolinea Donini. Quindi anche in questo caso "una dimensione di contagio della popolazione in età scolastico e di focolai a scuola che non ha pari rispetto ai mesi precedenti. E questo è dovuto alla maggiore diffusività del virus a causa della variante inglese", afferma l'assessore. 

Che poi rivendica: "Non è che non abbiamo agito tempestivamente in ambito scolastico. Oltre alle centinaia di migliaia di tamponi rapidi in farmacia, abbiamo fatto anche 226.000 tamponi e 65.000 test rapidi nell'ambito del contact tracing nelle scuole".

(DIRE)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento