Misure anti-coronavirus, dimezzato il biossido di azoto sulla Pianura Padana

L'analisi condotta da Ispra ha rivelato un calo drastico, dovuto alle norme che hanno fatto scndere il traffico veicolare e portato alla chiusura di diverse attività. "Ma la dinamica del'inquinamento è più complessa"

Nell'arco di un mese il biossido di azoto che aleggia sulla Pianura padana si è dimezzato. Merito, anche, delle misure restrittive imposte dal Governo per l'emergenza coronavirus. La conferma scientifica, dati alla mano, arriva da una serie di analisi elaborate da un team di esperti del Sistema nazionale di protezione ambientale (Snpa) dell'Ispra, il cui risultato è rilanciato oggi da Arpae Emilia-Romagna. Questa prima analisi si è concentrata sugli effetti sulla qualità dell'aria delle misure di limitazione della mobilità adottate in Lombardia e Veneto a partire dal 23 febbraio e poi estese a tutto il territorio nazionale a partire dall'11 marzo. 

Il biossido di azoto (No2) è uno dei principali inquinanti presenti in atmosfera, in quanto prodotto da tutti i processi di combustione, compreso il traffico, ed è anche quello che "più rapidamente risponde alle variazioni delle emissioni", spiega Arpae. 

è invece "più complessa la risposta delle polveri fini (pm10)- sottolinea l'agenzia ambientale dell'Emilia-Romagna- in parte emesse direttamente e in larga parte prodotte dalla trasformazione di altre sostanze reattive come ammoniaca, ossidi di azoto e composti organici volatili, emesse da molte fonti diverse" e che si combinano tra loro direttamente in atmosfera.

Scendendo nel dettaglio, le stazioni di monitoraggio della Pianura padana mostrano prima di tutto una "variazione giornaliera" dei dati, dovuta per lo più alla "variabilità delle condizioni meteorologiche". Ci sono per questo "numerosi valori isolati", ma i dati mediani, considerati un "indicatore robusto per esaminare l'andamento complessivo", mettono in evidenza "una progressiva riduzione dell'inquinamento diffuso, a partire dalle restrizioni imposte in Lombardia e Veneto". In quest'area, i valori mediani di biossido di azoto di tutte le stazioni nell'arco di un mese sono passati in maniera progressiva da quantità comprese tra 26 e 40 microgrammi per metrocubo in febbraio a 10-25 microgrammi per metrocubo in marzo, con una riduzione dunque di circa il 50%. 

Da questi numeri, l'effetto delle limitazioni degli spostamenti imposte per l'emergenza coronavirus "risulta evidente", dice Arpae, mettendo a confronto le stime basate sui modelli con i valori osservati. Ad esempio, si nota che in corrispondenza delle principali arterie stradali, come la via Emilia, i valori attesi sulla base della valutazione modellistica (30-50 microgrammi per metrocubo) sono superiori rispetto a quelli osservati (10-30 microgrammi per metrocubo). Per l'Emilia-Romagna, dove le misure restrittive sono state introdotte a partire dall'11 marzo, il discorso è il medesimo. I valori mediani di biossido di azoto sono passati da 20-31 microgrammi per metrocubo in febbraio a 7-20 microgrammi in marzo, con una riduzione dell'ordine del 50%.

L'analisi dell'Emilia-Romagna però fa registrare anche un'anomalia tra il 14 e il 17 marzo, quando si è assistito a una ripresa di elevate concentrazioni di biossido di azoto, nonostante le limitazioni. Questo, sottolinea Arpae, "a conferma della complessa dinamica dell'inquinamento atmosferico, che risente di fattori meteorologici, emissivi ed orografici che nella Pianura Padana possono determinare, nonostante le misure di contenimento, picchi di concentrazione nell'arco della giornata". Le analisi della Snpa sono state elaborate grazie a una nuova piattaforma in grado di integrare e analizzare i dati forniti sia dal programma europeo Copernicus sia da modelli su scala nazionale e regionale con quelli raccolti sul territorio dalle Agenzie regionali per l'ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento