Argini, partono da Navicello i lavori su 5 km di sponde del Panaro

Un cantiere da 8,8 milioni di euro atteso da ormai molti anni per mitigare il rischio alluvioni e far fronte alle piene ormai sempre più frequenti. Terminata la progettazione della cassa d'espansione del Secchia a Rubiera

Al via un nuovo cantiere per rendere più sicuri quasi cinque chilometri di argini del Panaro per un investimento di 8,8 milioni di euro. I lavori, come annuncia la Regione, partiranno dal ponte di Navicello, nel comune di Modena, e riguarderanno la "sistemazione, il rialzo e il rinforzo delle difese spondali in un territorio messo duramente alla prova dall'alluvione del gennaio 2014". 

"Continua senza sosta l'impegno per la sicurezza del nodo idraulico modenese, strategico su scala regionale- spiega l'assessore regionale alla protezione civile, Paola Gazzolo- L'attenzione è puntata sugli argini: alle opere già in corso per oltre 18 milioni di euro su quelli del Secchia, fino al confine con Mantova, si unisce ora un nuovo intervento lungo il Panaro che nell'arco di un anno e mezzo interesserà il territorio di cinque comuni". 

Dalla città capoluogo proseguirà a Bomporto, Nonantola e Ravarino, per spingersi fino a Crevalcore, nel bolognese. I lavori sono stati aggiudicati nei giorni scorsi da Aipo: dopo la predisposizione del cantiere, i mezzi saranno all'opera a partire da fine agosto. "Vista l'estensione del tratto di difese spondali coinvolto, si tratta dell'intervento di adeguamento più rilevante messo finora in atto lungo il Panaro- continua l'assessore- Fa parte di un pacchetto da 20 milioni di euro che, negli anni passati, ha già visto la conclusione di stralci urgenti sia a Castelfranco Emilia che a Modena, fino al Ponte di Navicello, ossia il punto da cui partirà il nuovo cantiere". 

A queste opere si aggiunge la realizzazione del tratto di argine tra il ponte di Sant'Ambrogio, a Modena, e la confluenza nel Tiepido in corso di progettazione definitiva per circa 2,2 milioni di euro di investimento. 

Le novità riguardano anche la cassa di espansione del Secchia. Nei giorni scorsi si è conclusa la progettazione definitiva sia per l'adeguamento di quella esistente che per il suo ampliamento nel comune di Rubiera. Una serie di interventi dal valore complessivo di oltre 21,2 milioni di euro, informa ancora viale Aldo Moro, che permetteranno di ottimizzare il volume disponibile, consentendo anche la regolazione delle portate a valle, e di accrescere di cinque milioni di metri cubi la capacità dell'opera idraulica. "A settembre i progetti saranno presentati alle amministrazioni locali, per poi avviare la necessaria procedura di valutazione di impatto ambientale", conclude Gazzolo. 

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento