Attualità

Appalti per nuovi tratti e manutenzioni. Il punto sui cantieri estivi sulle strade provinciali

In estate manutenzioni per 3 milioni di euro e appalti di nuovi tratti per altri 17 milioni. Oggi in Provincia il punto sulla situazione delle strade. Muzzarelli: "anni di tagli, servono risorse aggiuntive"

Un piano di manutenzione della rete stradale provinciale sarà realizzato dalla Provincia nei prossimi mesi estivi con un investimento complessivo di oltre tre milioni euro. Sulle strade della pianura l'investimento sarà di oltre un milione di euro, il resto sulla viabilità dell'Appennino. Gli interventi riguardano soprattutto il rifacimento completo dell'asfalto su interi tratti degradati, ma sono previste risorse aggiuntive per lavori più puntuali sulle buche e avvallamenti per altri 850 mila euro che saranno utilizzati anche per sfalci ai lati delle strade e potature. 

Per quanto riguarda le nuove opere viarie, inoltre, entro quest'anno, si prevede di aggiudicare gli appalti del nuovo tratto della Pedemontana da S.Eusebio di Spilamberto alla provinciale 17 a Castelvetro, lungo quasi due chilometri, l'ampliamento della strada provinciale 623 Vignolese, dal casello di Modena sud a Spilamberto, e della provinciale 413 a Modena, tra il ponte sul Secchia e la rotatoria di S.Pancrazio. 

E' quanto emerso nel Consiglio provinciale di giovedì 31 maggio, interamente  dedicato a fare il punto della situazione sulla rete di oltre mille chilometri di strade provinciali. 

All'elenco dei lavori da appaltare entro fino anno sono da aggiungere l'adeguamento della provinciale 468 tra Carpi e Correggio e la rotatoria a Campogalliano tra via Fornace e la provinciale 13 per un investimento complessivo pari a oltre 17 milioni di euro.

«Stiamo compiendo uno sforzo importante - ha sottolineato Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia - per portare avanti tutti questi progetti che sono fondamentali per la viabilità provinciale anche perché si integrano con i progetti strategici della Cispadana e della Bretella modificata che rivoluzioneranno i collegamenti del territorio creando nuove opportunità. Il prolungamento e completamento della Pedemontana rappresenta una priorità in quanto arteria strategica in alternativa alla via Emilia e nei collegamenti tra il distretto ceramico e il territorio bolognese. L'obiettivo è anche quello di rendere più sicura la circolazione, come previsto con la nuova rotatoria di Campogalliano che risolverà un incrocio molto pericoloso, oltre a snellire gli accessi alla città di Modena, migliorando i collegamenti con Carpi, grazie agli ampliamenti in programma a S.Pancrazio, verso Spilamberto e Nonantola. Questi interventi - ha concluso Muzzarelli - saranno realizzati impiegando le più moderne tecnologie all'insegna della sostenibilità e dovranno integrarsi con il paesaggio migliorando la qualità del territorio».

Nel piano della Provincia, in gran parte finanziato con risorse di altri enti, tra Stato, Regione, Autobrennero e società Autostrade per l'Italia, figurano anche i progetti allo studio per il completamento della Pedemontana dalla provinciale 17 a via Montanara (tre chilometri per quasi 12 milioni di euro) e la tangenziale di S.Cesario (costo 23 milioni da società Autostrade).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti per nuovi tratti e manutenzioni. Il punto sui cantieri estivi sulle strade provinciali

ModenaToday è in caricamento