Il coronavirus visto dai più piccoli, i bambini ridisegnano la segnaletica stradale

Stop al virus, ai gruppi, al parco. Via libera a mascherine, distanze di sicurezza e a rimanere in casa. I cartelli stradali rivisitati dai ragazzi nell’iniziativa della Polizia locale

L’educazione stradale al tempo del Coronavirus diventa per i bambini l’occasione per ricordare i comportamenti pericolosi, vietati dalle disposizioni o, viceversa, da seguire proprio per evitare il contagio.

Ed è così che dentro al cerchio rosso che contraddistingue i segnali di divieto Christian mette il virus letale, Matteo disegna i bambini al parco e un compagno le mani che toccano naso e bocca; ma finiscono nei divieti anche il darsi la mano e l’andare a passeggio. Mentre i cartelli blu che danno via libera si riempiono di mascherine, guanti e gel igienizzanti, mani che si lavano e raccomandazioni al rispetto delle distanze di sicurezza ma soprattutto sul rimanere a casa.

Interrotte, per effetto delle disposizioni anti Covid 19, le attività di educazione stradale che ogni anno vengono svolte nelle scuole con bambini e ragazzi delle primarie e secondarie (10 mila gli studenti raggiunti lo scorso anno con 832 ore di lezione in classe svolte dagli operatori della municipale), la Polizia locale ha pensato come coinvolgere comunque docenti e studenti in nuove iniziative, anche per non disperdere il prezioso rapporto di collaborazione costruito negli anni.  

Marzia Balestrino e i colleghi che normalmente svolgono le attività in classe hanno quindi interpellato gli insegnanti delle classi quarte e quinte elementari che hanno aderito al progetto di educazione stradale, praticamente tutte le primarie, e quelli della prima classe delle secondarie San Carlo e Cavour proponendo una prima iniziativa sul tema delle regole da rispettare in questo periodo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La risposta non si è fatta attendere e al Comando di via Galilei stanno arrivando numerosi, via WhatsApp e per posta elettronica, gli elaborati dei ragazzi che vengono anche condivisi sulla pagina Facebook della Polizia locale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento