Casa delle Donne e IWA: Galà di beneficenza tra aste silenziose e vetture Pagani

L’azienda automobilistica Pagani ha ospitato il Galà annuale di beneficenza organizzato da IWA Modena. Obiettivo della serata con oltre 50 sponsor: raccogliere fondi per la Casa delle Donne

IWA Modena, associazione che affianca le donne lontano da casa in un percorso di inserimento e sostegno, ha organizzato un Galà di beneficenza presso la prestigiosa casa automobilistica Pagani di San Cesario sul Panaro, raccogliendo 10.200 Euro per l’associazione Casa delle Donne Contro la Violenza Onlus.

Sono stati più di 55 gli sponsor, provenienti da tutte aziende modenesi, che hanno aderito con un unico obiettivo, aiutare le donne in difficoltà.

Per un gruppo ristretto di 35 ospiti, vincitori dell’asta online, è stato organizzato un tour esclusivo della fabbrica Pagani. In seguito ha preso il via l'asta silenziosa organizzata dai membri di IWA Modena. Un’asta ricca di prodotti e servizi generosamente donati da aziende locali a sostegno dell’associazione Casa delle Donne contro la Violenza Onlus.

"Siamo felicissimi della generosità dei nostri sponsor e di tutti i nostri ospiti che hanno partecipato al Galà- commenta Kerstin Leiters, presidente di IWA Modena-  Sono molto commossa del fatto che i membri della nostra associazione, abbiano dedicato tanto del loro tempo ad organizzare questo evento ed è una gioia assoluta sapere che abbiamo aiutato un’associazione nella nostra città adottiva, Casa delle Donne contro la Violenza Onlus con il progetto “Everyday Essentials. Il nostro motto è: “Women for Women” e questo fine settimana il nostro slogan si è tramutato in azione.

I Signori Pagani che erano presenti al Galà di beneficenza, oltre ad aver aperto le porte della loro fabbrica, hanno supportato la  causa di IWA offrendo per l’asta silenziosa un “test drive su una vettura Pagani”, esperienza unica e non acquistabile.

"Grazie al supporto di IWA Modena- dichiara Rosanna Bartolini, presidente dell’associazione Casa delle Donne Contro la Violenza Onlus-   saremo in grado di estendere il nostro sostegno alle 25 donne (in media in un anno) che ospitiamo nella nostra Casa Rifugio dopo che hanno abbandonato le loro abitazioni per sfuggire alle violenze domestiche. Questa donazione ci permetterà di fornire loro gli elementi essenziali del vivere quotidiano, non solo per le mamme ma anche per i loro bambini. Accogliamo donne che si allontanano da casa senza vestiti, senza scarpe, senza nessun effetto personale. Hanno bisogno di qualsiasi elemento di vita quotidiana per muovere i primi passi dopo la fuga. Per concludere, l'ultima parte del denaro raccolto andrà a sostenere le donne nel loro ultimo passo verso l'autonomia e indipendenza, aiutandole a trovare un lavoro.La donazione di IWA Modena farà la differenza nella vita di queste donne coraggiose"

IWA (International Women Association) di Modena

 IWA è un’associazione per supportare le donne straniere che si trovano a vivere a Modena, aiutandole a rendere più facile l’integrazione sia in ambito personale che quello professionale. IWA nasce da un’idea di Simone Zaminer (ex-presidente IWA), austriaca, trasferitasi a Modena insieme a tutta la famiglia nel 2014. IWA Modena prende così vita grazie ai 15 membri cofondatori provenienti da diverse nazioni. Oggi l’associazione vanta quasi un centinaio di membri iscritti. 

Casa delle Donne contro la violenza onlus  

L’Associazione Casa delle Donne contro la violenza onlus affonda le sue radici nei movimenti e nei gruppi femminili che erano attivi già dal 1972 nella città di Modena. Dal 1991 nasce l’Associazione che negli anni darà vita a tre attività di servizio: l’ospitalità ed il sostegno alle donne vittime di violenza domestica, il sostegno alle ragazze vittime della tratta e alle donne migranti che si trovano in situazione di difficoltà nel corso del loro progetto migratorio. L’Associazione organizza periodicamente corsi di formazione per future volontarie e corsi rivolti alla formazione degli operatori, svolge attività di formazione e laboratori sulla prevenzione alla violenza maschile sulle donne presso le scuole medie e superiori del territorio. Fa parte delle associazioni fondatrici di Di.Re, l’Associazione nazionale dei Centri anti violenza italiani costituitasi nel settembre 2008 e del Coordinamento regionale dei Centri contro la violenza della Regione Emilia Romagna con il quale monitora e diffonde costantemente i dati e i mutamenti sulla situazione relativa alla violenza di genere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Malore durante il bagno, turista modenese perde la vita a Rimini

Torna su
ModenaToday è in caricamento