menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castelfranco, protesta davanti al Municipio contro l'abbandono di rifiuti in tangenziale

Oggi il presidio di alcuni cittadino, sostenuti anche da Friday for Future. Si chiedono cestini, pulizia e telecamere

Nella mattinata di oggi alcuni cittadini hanno realizzato una manifestazione statica in Piazza Vittoria, di fronte al Comune di Castelfranco Emilia, per sensibilizzare Amministrazione Comunale, enti preposti e cittadinanza sul tema della dispersine di rifiuti nell'ambiente, in specifico nelle piazzole e nelle scarpate della tangenziale che percorre 6 km tra il Comune di Castelfranco Emilia e San Cesario Sul Panaro. 

Un rappresentante degli organizzatori ha letto un comunicato e spiegato lo stato di urgenza della situazione rifiuti dispersi. Erano presenti il Vice Sindaco Bertoncelli, la Consigliera Cuochi di maggioranza, e l'Assesora Graziosi che hanno risposto alle domande delle/degli organizzatori. Erano presenti anche altri consiglieri e consigliere di minoranza e di maggioranza. Tra gli organizzatori il Gruppo Locale Fridays For Future Castelfranco Emilia e il Gruppo Locale Parents for Future Castelfranco Emilia.

"Inaugurata nell'ottobre del 2005 ha finalmente liberato il paese dal traffico dì attraversamento - spiegano gli organizzatori - Ma col tempo è diventata un problema ambientale a causa dei tanti rifiuti che vengono abbandonati lungo il suo tragitto di soli 6 chilometri nelle piazzole di sosta ai lati della carreggiata, ma soprattutto lungo le scarpate del rilevato stradale. Noi chiediamo, al Comune di Castelfranco che ospita e ha fortemente voluto l'infrastruttura e ad ANAS che ne è la proprietaria alcune cose ben precise: una pulizia accurata che preveda la rimozione delle enormi quantità di rifiuti, anche speciali, che si sono accumulati in quesiti anni lungo il tracciato; posizionarnento di cestini e cassonetti nelle aree di sosta; montaggio in ogni varco di accesso di grandi cartelli con il divieto di abbandono di rifiuti e le relative sanzioni; installazione di un sistema di telecamere lungo il percorso in grado di identificare eventuali reati, anche nelle ore notturne (uso di infrarosso).  Ci paiono richieste ragionevoli dettate dal buonsenso e dall'amore per il proprio territorio e per l'ambiente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento