menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd saluta Cesare Leonardi, fu anche architetto delle Feste del L'Unità

Il segretario provinciale del Pd modenese Davide Fava esprime il cordoglio del partito per la scomparsa, a 85 anni, dell’architetto Cesare Leonardi, ideatore del format delle Feste provinciali de l’Unità

Si è spento ieri all'età di 85 anni Cesare Leonardi, celebre architetto modenese molto noto per alcuni importanti interventi edilizi e urbanistici, tra i quali spicca il Parco Amendola, grande polmone verde della città. Ma l'attività di Leonardi è stata intrecciata in modo stretto anche alla politica locale, in particolare alla storia del Pci e delle formazioni di sinistra che gli sono succedute, fino ai giorni nostri. Leonardi è stato infatti ideatore del principale evento pubblico locale (e non) del aprtito: la Festa de L'unità.

Lo ricorda il segretario provinciale Pd Davide Fava: “Ci sono “segni” di Cesare Leonardi che sono diventati distintivi delle nostre Feste de l’Unità. Piccoli segni come gli scaldini che tengono calda la carne alla griglia del Ristorante Falò, o grandi segni come i camminamenti coperti che mantengono al coperto i visitatori in caso di maltempo e che Leonardi vedeva come la naturale traduzione nella cittadella della Festa dei porticati tipici delle città emiliane. Il grande architetto Cesare Leonardi, conosciuto a livello internazionale, ha posto il suo inconfondibile segno non solo nei parchi e nelle piscine del nostro territorio, ma anche nella progettazione delle Feste de l’Unità modenesi. Cominciò a occuparsene all’inizio degli anni ’80 insieme alla collega Franca Stagi. Poi continuò da solo".

Portano la sua firma tutte le Feste che si sono svolte nell’area di Modena Nord, compreso il Nazionale del ’90 (in foto). A lui si deve l’inserimento del lago e della collina, segni che rimandano agli elementi naturali, all’acqua e alla terra. Sono di Cesare Leonardi le torri informative che si trovano lungo il percorso della Festa. Portavano la sua inconfondibile firma gli arredi gialli realizzati con materiali legnosi dei cantieri che, per anni, hanno caratterizzato le sale dibattiti delle Feste.

"Anche quando l’età e la salute non gli hanno più permesso di seguire con continuità la progettazione della Festa, abbiamo sempre potuto contare sull’aiuto dei suoi collaboratori. Le Feste, proprio in questi mesi difficili che hanno cancellato appuntamenti tradizionali, salutano con rimpianto il loro padre progettista. Le più sentite condoglianze alla famiglia”, conclude Fava.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento