menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente ad un rider a Natale, Cgil: "Diritti e tutele per questi lavoratori"

Il sindacato chiede con forza un contratto nazionale e condanna le logiche cui sono costretti a sottostare i fattorini

La Cgil di Modena interviene sul caso del rider di MyMenu protagonista di un incidente in scooter durante le consegne per il pranzo di Natale. Un incidente avvenuto in viale Reiter a seguito dello scontro con un'auto, per il quale dovranno essere accertate le esatte responsabilità.

"Mentre siamo travolti da roboanti dichiarazioni su come far ripartire l'economia del nostro Paese, continuiamo invece ad avere lavoratori che lavorano senza diritti, per pochi euro e rischiando quotidianamente la propria salute. Questa è la condizione dei rider", attacca il sindacato.

Scontro tra auto e scooter in viale Reiter, ferito un rider

"Vogliamo ricordare alle grandi piattaforme, che in questi mesi drammatici del Covid hanno aumentato notevolmente i loro profitti, ed ai consumatori, che sono gli utilizzatori finali di questo servizio, che dietro ogni consegna c'è una lavoratore che non ha un contratto nazionale, che non ha tutele, che non ha una retribuzione adeguata e che deve correre velocemente per misurarsi con un algoritmo per poter ''meritare' qualche consegna in più da fare. Tutto gira velocemente intorno al mercato ed a causa di ciò si rischia di essere travolti, come purtroppo è successo al lavoratore rider il giorno di Natale - proseue la segreteria della Cgil modenese - Un meccanismo, come quello attuale, che mette in competizione lavoratori contro altri lavoratori, che spinge a prendersi dei rischi per avere perfomance sempre migliori è la causa principale degli incidenti".

La Cgil da tempo sta chiedendo diritti e tutele per questi lavoratori, a partire da un ccnl che materializzi un rapporto di lavoro oggi immateriale e che sia in grado di garantire "un giusto salario e tutte quelle tutele tipiche di un rapporto di lavoro dipendente". Per queste ragioni la Cgil di Modena ha condiviso le ragioni alla base dello sciopero dei rider del 30 ottobre e nelle settimane scorse ha inviato, al comune di Modena, una richiesta per aprire un tavolo sindacale, dove poter affrontare il tema delle condizioni di lavoro dei rider, sulla quale ci aspettiamo in tempi rapidi una convocazione.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento