Attualità Caduti in Guerra / Via San Pietro

Abbazia di San Pietro, cercasi mecenati per terminare i lavori di restauro del chiostro benedettino

I lavori di restauro, iniziati nell'Ottobre del 2019, hanno portato all'originale splendore cinquecentesco la facciata sud del chiostro di San Pietro. Ma non basta: occorrono ulteriori donazioni, retraibili con il credito d'imposta Art Bonus, per completare il recupero integrale del prezioso complesso

Dall’ottobre del 2019, il fascino dell’antichità e la particolarità dei dettagli, dei colori e degli elementi architettonici del Chiostro delle Colonne dell’abbazia dei Padri Benedettini di San Pietro, torna ad affacciarsi alla luce, ma di un secolo nuovo, grazie alla quasi conclusione della prima parte dei lavori di restauro.

I fondi destinati al recupero del chiostro rinascimentale, in particolare della facciata sud, sono stati raccolti attraverso il progetto “Art Bonus” in aggiunta ad un contributo liberale di EMILBANCA, indispensabile per l’avvio del cantiere pilota e per dare gli indirizzi all’intero intervento posto sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bologna e le Province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.

Nello specifico, Art Bonus consiste in un credito d’imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura e dello spettacolo pari al 65% dell’effettiva erogazione e detraibile in 3 anni, progetto volto ad incentivare il mecenatismo.

Dunque, per terminare la prima fase dei lavori di recupero del fronte sud del chiostro e per procedere con il restauro delle ulteriori facciate, i promotori del progetto presieduto dal Priore, dom Stefano De Pascalis, rinnovano l’appello ad “adottare” una o più colonne del complesso e divenire mecenati di uno tra i più bei chiostri rinascimentali dell’Emilia Romagna.

Grazie al sostegno economico di mecenati tra cittadini privati, imprese e società, l’integrità originale del monastero cinquecentesco è ad un passo più vicino alla realizzazione. I lavori di restauro, affidati alla ditta Luca Rubini di Modena su progetto e direzione dell’arch. Vincenzo Vandelli della Progettisti Associati di Sassuolo, hanno interessato differenti operazioni di rimozione, pulizia, finitura ed interventi d’integrazione precedute da un’attenta analisi e operazione di campionamento nelle diverse aree d’intervento del cantiere pilota:

  • Il cornicione
  • Il fondo della facciata
  • Le cornici in cotto delle finestre e del marcapiano
  • Le cornici in cotto degli archi e le colonne in pietra
  • Il basamento e la spalla muraria di coronamento

Questo ha permesso di recuperare anche le tracce delle cromie cinquecentesche originali (color cotto e bianco calce) e di constatare una situazione conservativa molto grave dovuta ai restauri eseguiti sia nell’Ottocento e nella seconda metà del Novecento, nel corso dei quali l’abbondante uso di cemento ha intaccato e mal consolidato parte delle leganti formelle in cotto lavorato che definiscono cornici, cornicioni e marcapiani. Il delicato restauro di queste parti ha messo in luce la bellezza di queste terracotte lavorate, mentre risultano sorprendenti anche i risultati della pulizia e del delicato consolidamento delle colonne in pietra di Lessinia e degli eleganti capitelli d’ordine ionico.

Ma, per tornare a rinascere nelle sue delicate forme e cromie, il Chiostro delle Colonne dell’Abbazia dei Padri Benedettini di San Pietro ha bisogno del contributo di nuovi mecenati. Per scoprire di più sull’Art Bonus e i suoi vantaggi fiscali vedi il sito web

Come effettuare le erogazioni liberali?

Tramite un bonifico bancario e un’adesione al sito Art Bonus

Beneficiario: Abbazia dei Padri Benedettini di San Pietro - IBAN IT45V0707212901000000423227

Causale: Art Bonus - Modena Chiostro delle Colonne - Progetto “Adotta una Colonna” aggiungendo Codice Fiscale o Partita Iva del mecenate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbazia di San Pietro, cercasi mecenati per terminare i lavori di restauro del chiostro benedettino

ModenaToday è in caricamento