Guardia Medica, stop agli accessi diretti. Sarà necessario telefonare

Da oggi non sarà più possibile accedere direttamente alle diverse sedi della Continuità Assistenziale. Pagina AUSL con i numeri di riferimento

Evitare gli assembramenti, soprattutto nei luoghi di assistenza sanitaria, è tra le più importanti regole di prevenzione per contenere la diffusione del Coronavirus. Proprio per questo, da oggi 6 marzo, non sarà più possibile accedere direttamente alle sedi di Continuità assistenziale (Guardia medica) della provincia di Modena per le visite ambulatoriali: il cittadino dovrà contattare telefonicamente la sede del Servizio di Continuità assistenziale più vicino a casa propria e seguire le indicazioni del medico, che valuterà se invitarlo a recarsi in ambulatorio (nelle sedi in cui è attivo), fornire un consulto telefonico o se invece si rende necessario effettuare una visita domiciliare.

Stessa modalità operativa sarà adottata anche negli ambulatori "dei codici bianchi" e quelli gestiti dalle cooperative nei Distretti di Modena, Castelfranco, Mirandola e Carpi. Fuori dalle sedi sono stati disposti cartelli informativi per i cittadini con i numeri di riferimento.

Alla pagina dedicata del portale AUSL i numeri di telefono delle sedi di Continuità assistenziale: www.ausl.mo.it/guardiamedica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento