menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusa la falla nell'argine del Panaro, cala il livello dell'acqua

L'argine è stato ripristinato, anche se in forma provvisoria. L'acqua defluisce da Nonantola e i livelli scendono

Ottima notizia dall'argine del Panaro. La fuoriuscita di acqua è stata bloccata, grazie al lavoro incessante iniziato ieri a metà mattina e proseguito per tutta la notte. Le ruspe hanno depositato pietre sulla falla, fino a bloccare il deflusso dell'acqua intorno alle ore 9 di oggi. Si tratta ovviamente di una ricostruzione provvisoria, che richiederà il prosieguo dei lavori nelle prossime ore e un intervento più definitivo quando il livello complessivo del fiume lo consentirà.

In tutto 21 persone, organizzate appunto in 4 squadre, hanno lavorato tutta notte sull’argine: 150 i camion impiegati che hanno trasportato 4.500 tonnellate di materiali.

“È stato organizzato in tempi record - spiega l’assessore regionale alla Protezione civile, Irene Priolo - un cantiere molto complicato dalla logistica di accesso, dalla forte corrente del fiume e dalle condizioni meteorologiche. Ora le squadre dei tecnici stanno proseguendo i lavori per la sigillatura definitiva dell’argine. Ringrazio Aipo per la tempestività degli interventi che hanno permesso di evitare il propagarsi del problema ad altri territori e di dare un aiuto concreto ai cittadini di Nonantola, la nostra priorità. E un ringraziamento speciale- chiude l’assessore- va alle donne e agli uomini di Prefettura, forze dell’ordine, esercito, enti locali, volontari e operatori dell’Agenzia regionale per la sicurezza del territorio e Protezione civile, che da due giorni stanno lavorando senza sosta per far fronte a una piena mai registrata finora”.

Questo intervento - facilitato anche dal calo complessivo del livello del Panaro - ha avuto il primo risultato di liberare dall'acqua l'area di via Tronco e quelle più prossime all'argine e di alleggerire il carico dell'acqua che è defluita verso sud-est allagando l'abitato di Nonantola.

Buona parte del centro abitato resta comunque allagata e serviranno ore per un ritorno alla normalità. La viabilità è ancora interrotta verso Modena.

Defluisce la piena del Secchia, riaprono Ponte Alto e ponte dell'Uccellino

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento