Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Neve in Appennino, chiusi i tratti toscani dell'Abetone e del Passo delle Radici

Viabilità interrotta dopo Frassinoro sulla Sp 324 e oltre il confine anche la Statale 12

Il tratto toscano del Passo delle Radici, al confine con quello nel comune di Frassinoro nel modenese, lungo la strada provinciale 324, è chiuso dalla mattina di giovedì 7 gennaio, a causa dell'accumulo di neve caduta in questi giorni, che occupa interamente la sede stradale. 
Per questa ragione, fanno sapere i tecnici della Provincia di Modena, i veicoli e i mezzi pesanti in transito dalla strada provinciale 486 sul versante modenese e diretti in Toscana, non potranno percorrere il passo, nonostante il lato modenese sia percorribile.

La chiusura del passo sul lato toscano è dovuta all'interruzione della strada provinciale 72 (in pratica la prosecuzione in Toscana della provinciale 324 nel modenese), causata dello scivolamento sulla sede stradale di una ingente massa di neve e detriti, in località Costone a circa sette chilometri dal Passo delle Radici, che impedisce ai mezzi spartineve e alle turbine di raggiungere il passo stesso.   

Secondo i tecnici del servizio Viabilità della Provincia di Lucca, il tratto toscano sarà chiuso anche nella giornata di venerdì 8 gennaio; i mezzi spartineve della Provincia di Lucca stanno operando in queste ore sul versante toscano per riaprire la strada, compatibilmente con il rischio di slavine dovute alle ingenti precipitazioni nevose di questi giorni. 

La Provincia ha segnalato la situazione alla Prefettura di Modena con una lettera inviata giovedì 7, in cui sottolinea che è in contatto con la Provincia di Lucca per risolvere la situazione in tempi rapidi e ricordando che attualmente è chiuso al transito anche il Passo dell'Abetone sulla strada statale 12. Tutte le strade provinciali dell'Appennino modenese sono regolarmente percorribili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neve in Appennino, chiusi i tratti toscani dell'Abetone e del Passo delle Radici

ModenaToday è in caricamento