rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità Sestola

Sul Cimone inaugura il “Centro di sci adattato" per sciatori con disabilità

A Passo del Lupo, Sestola si inaugura il “Centro di sci adattato del Monte Cimone”. La baita accessibile del Monte Cimone è stata realizzata grazie ai  contributi di Regione Emilia-Romagna, Comune di Sestola e Fondazione per lo Sport Silvia Parente.  La presenza di un tale fondamentale e qualificato punto di appoggio presso Passo del Lupo consentirà di incrementare il numero di sciatori con disabilità 

Il giorno sabato 18 dicembre 2021 a Passo del Lupo, Sestola (MO) avrà luogo l’inaugurazione del “Centro di sci adattato del Monte Cimone” che vedrà la presenza del Presidente di Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, la Presidente di Fondazione per lo Sport Silvia Parente e la Presidente di ASD In2theWhite Barbara Milani. La baita accessibile del Monte Cimone è stata realizzata grazie ai  contributi di Regione Emilia-Romagna, Comune di Sestola e Fondazione per lo Sport Silvia Parente.  

La presenza di un tale fondamentale e qualificato punto di appoggio presso Passo del Lupo consentirà di incrementare il numero di sciatori con disabilità che intendono frequentare il Comprensorio del Monte Cimone: grazie ai servizi offerti e alle previste e numerose attività invernali inclusive, il Centro di sci adattato del Monte Cimone si configura tra i più completi ed attrezzati dell’intera dorsale appenninica. Dall’avviamento allo sci al perfezionamento tecnico, sino all’allenamento agonistico. Dall’accompagnamento di coloro che sono impossibilitati a sciare in modo autonomo ai corsi di formazione per Guide ed Accompagnatori specializzati. 

Centro di sci adattato del Monte Cimone

La costruzione della baita accessibile del Monte Cimone, completata nel dicembre 2020, è stata fortemente voluta da Fondazione per lo Sport Silvia Parente, realtà no-profit nata a Bologna nel 2006 in seguito alla vittoria in Slalom gigante alle Paralimpiadi invernali di Silvia Parente, atleta non vedente.
Grazie a fondi propri e donazioni da parte di propri sostenitori, al contributo economico di Regione Emilia-Romagna e del Comune di Sestola, il Comprensorio sciistico del Monte Cimone si è potuto dotare di una graziosa struttura in legno  che fungerà da centro accoglienza per le famigliepunto di aggregazione per i gruppi di sciatori coinvolti nelle attività inclusive proposte e diverrà punto di riferimento per tutte le attività di sci adattato proposte presso il Monte Cimone.

Le attività di sci sono proposte e animate dall’Associazione Sportiva In2theWhite, la cui Presidente è Barbara Milani, ex atleta della squadra nazionale A di Sci alpino, partecipante per oltre dieci anni a competizioni di Coppa del Mondo; l’associazione di cui Barbara Milani è Presidente, grazie al supporto di Fondazione per lo Sport Silvia Parente  promuove e realizza attività sportive inclusive durante tutto l’arco dell’anno,nell’ambito del progetto “Outdoor365”; l’associazione sportiva In2theWhite è stata incaricata dal Comune di Sestola di gestire il centro di sci adattato del Monte Cimone per i prossimi quindici anni.

La realizzazione del Centro di sci adattato del Monte Cimone è inserita nel più ampio progetto “Outdoor365”, ideato e realizzato a partire dal 2016 da Fondazione per lo Sport Silvia Parente con il supporto operativo dell’ASD In2theWhite; in particolare, vengono proposti al pubblico sport all’aria aperta che trovano nel territorio dell’Emilia-Romagna il teatro idealeescursioni a piedi aperte anche a persone ipovedenti e non vedenti; avviamento alla Mountain Bike adattata ed escursioni di gruppo aperte a tutti (grazie ad ausili come tandem e handbike a pedalata assistita); corsa e camminata in gruppo nei parchi cittadini di Bologna; ed ora il consolidamento dell’offerta legata allo sci alpino inclusivo. 

Le attività proposte sono frequentate da persone di tutte le età ed abilità: partecipano infatti all’avviamento agli sport outdoor anche degenti di strutture ospedaliere di riabilitazione della Regione Emilia-Romagna, fra cui l’Ospedale di riabilitazione di Montecatone e l’Ospedale Cardinal Ferrari di Parma. Le attività sulla neve sono aperte anche a scolaresche ed alunni con disabilità che potranno così sciare assieme ai propri compagni di classe grazie ad ausili specifici ed accompagnatori specializzati, formati da Fondazione per lo Sport Silvia Parente. 

La Fondazione per lo Sport Silvia Parente

La Fondazione per lo Sport Silvia Parente è la prima Fondazione per lo Sport nata in Italia, costituita nel 2006 sull’esperienza in ambito sportivo paralimpico dei fondatori. Essa persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, proponendo progetti e idee volti a valorizzare e ad estendere l’efficacia dello sport nella promozione del benessere e dell’inclusione sociale. 

Fondazione per lo Sport Silvia Parente, grazie al supporto operativo della ASD In2theWhite, realizza progetti che favoriscono la pratica dello sport da parte di persone con disabilità e di coloro che vivono in situazioni di disagio sociale. I fondatori promotori, fra cui la Presidente Silvia Parente, campionessa paralimpica plurimedagliata, sono stati insigniti dell’Onorificenza al Merito della Repubblica Italiana conferita con Decreto del Presidente della Repubblica per meriti sportivi e del riconoscimento d’onore conferito dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Fondazione Giulio Onesti Accademia Olimpica Nazionale Italiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul Cimone inaugura il “Centro di sci adattato" per sciatori con disabilità

ModenaToday è in caricamento