Carpi conferisce la cittadinanza onoraria all'Arma dei Carabinieri

«Insostituibile presidio di servizio alla collettività». Cerimonia di conferimento il 23 settembre in Teatro

Il Comune di Carpi ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria all'Arma dei Carabinieri perché « insostituibile presidio di servizio alla collettività, sempre più un punto di riferimento per la nostra città »: la cerimonia si terrà mercoledì 23 settembre alle 21:00 nel Teatro Comunale, alla presenza dei più alti gradi. La data scelta è altamente significativa: quel giorno infatti ricorrerà il 77° anniversario della fucilazione di Salvo D'Acquisto, il vice-brigadiere di 23 anni, medaglia d'oro al valor militare per aver sacrificato la vita offrendosi ai nazi-fascisti purché salvassero dei civili rastrellati per rappresaglia.

Il programma della serata, in via di perfezionamento, oltre agli interventi ufficiali comprenderà testimonianze, brani musicali, video-proiezioni. Per ragioni legate all'emergenza sanitaria, l'accesso al teatro sarà su limitato: dal 19 settembre sarà possibile prenotare i posti. E' prevista comunque una diretta sulla pagina Facebook del Comune.

Questa la motivazione integrale: « L’Arma dei Carabinieri è stata partecipe di tutti i mutamenti del Paese, quale insostituibile presidio “della pubblica e privata sicurezza”, e ne ha affrontato i momenti difficili, talora drammatici, seguendo sempre un percorso fatto di fedeltà alle Istituzioni e di servizio alla collettività. L’Arma dei Carabinieri è stata la prima forza di polizia del nascente Regno d’Italia ad essere presente in città, attraverso i primi presìdi costituitisi verso la fine del 1861. Negli anni questa presenza si è consolidata, assumendo l’attuale conformazione ordinativa che consta di un comando Compagnia. Negli anni la presenza dell’arma dei carabinieri è cresciuta, diventando sempre più un punto di riferimento per la nostra città».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento