menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Navicello, commemorate le 11 vittime dell'eccidio nazifascista

Iniziativa nel rispetto delle norme anti Covid domenica 14 marzo con la partecipazione dei sindaci di Modena, Nonantola e Bomporto

Ha richiamato il dovere della memoria il sindaco di Nonantola Federica Nannetti intervenendo questa mattina, domenica 14 marzo, alla commemorazione dell’eccidio nazifascista del ponte del Navicello alla quale hanno partecipato anche i sindaci di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, e Bomporto, Angelo Giovannini, insieme alle autorità e al presidente provinciale dell’Anpi Lucio Ferrari.

La cerimonia, organizzata senza la presenza del pubblico, con le modalità per il rispetto delle norme anti Covid, è stata promossa dai Comuni di Modena, Bomporto e Nonantola, insieme ai Comitati comunali permanenti per la memoria e le celebrazioni.

Dopo la deposizione di omaggi floreali al monumento ai Caduti partigiani, Nannetti è intervenuta ricordando la recente scomparsa di Aude Pacchioni (“la partigiana Mimma”) e poi richiamando uno a uno i nomi delle vittime dell’eccidio e salutando, nella diretta streaming, i loro familiari. “Oggi più che mai per ricordare degnamente il loro sacrificio, non possiamo che mettere in pratica il loro coraggio e il loro senso di responsabilità e solidarietà verso il prossimo”.

Il presidente dell’Anpi Ferrari ha ricordato il progetto “Testimone dei testimoni” che ha l’obiettivo di trovare nuove modalità per tenere viva la memoria dell’antifascismo e della Resistenza, cogliendone tutta l’attualità, anche di fronte alla scomparsa dei protagonisti di quel tempo.

La rappresaglia del ponte di Navicello, che vide la morte di 11 partigiani il 9 marzo 1945, fu compiuta per la scomparsa di due soldati tedeschi nella fase finale della guerra. Il comando tedesco, con la collaborazione della Brigata nera di Nonantola, organizzò prima un esteso rastrellamento e mise poi in atto la vendetta. Nella rappresaglia trovarono la morte Quinto Bozzali, Agostino Ferriani, Ivano Garuti, i fratelli Pietro e Valentino Gasparini, Renzo Grenzi, Huber Panza, Fabio Pellacani, Eugenio Tavoni, Ivaldo Vaccari (medaglia di bronzo al valor militare) e Angelo Zambelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Appartamento in fiamme a Finale Emilia, due persone in ospedale

  • Cronaca

    Violenza domestica, 26enne di Pavullo finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento