rotate-mobile
Attualità

Confermata la segreteria provinciale della Cgil di Modena

Da parte di Dieci si è voluto confermare quel mix di esperienze, conoscenze e di etica sindacale, che le compagne e i compagni rappresentano, riflettendo un’idea articolata di competenze e punti di vista contrattuali, politici ed organizzativi

E’ stata eletta oggi dall’Assemblea Generale, la segreteria provinciale della Cgil di Modena, su proposta del segretario generale Daniele Dieci (confermato a Congresso lo scorso 13 gennaio), alla presenza di Marina Balestrieri della segreteria Cgil Emilia Romagna.

Ha votato a favore l’87% dei votanti. Si tratta sostanzialmente della riconferma della segreteria in carica dal gennaio 2022 che risulta così composta, oltre che dal segretario generale Daniele Dieci, da Daniela Bondi, Aurora Ferrari, Roberta Orfello, Roberto Righi, Fernando Siena.

Da parte di Dieci si è voluto confermare quel mix di esperienze, conoscenze e di etica sindacale, che le compagne e i compagni rappresentano, riflettendo un’idea articolata di competenze e punti di vista contrattuali, politici ed organizzativi.

“Dopo il Congresso e la riconferma della segreteria provinciale ripartiamo da una vertenzialità cruda, giusta, radicale – afferma Daniele Dieci - sapendo che sviluppiamo una conflittualità per l’emancipazione delle classi lavoratrici e le persone che rappresentiamo. Abbiamo bisogno di aumentare i salari, attaccare la precarietà, gli appalti, e che i servizi pubblici siano degni di questo nome”.

“Continueremo l’attività programmatica della Camera del Lavoro di Modena – spiega il segretario Cgil - rafforzando l’attività sulla contrattazione (sociale e territoriale, industriale, dello sviluppo), sulle politiche organizzative, sulla capacità di rispondere ai bisogni di lavoratori, pensionati e cittadini, su progetti di tesseramento ed insediamento territoriali, innovando le forme di relazione, comunicazione e presenza nel territorio e nei luoghi di lavoro”.

La segreteria si adopererà per dare corpo ad una “Cgil moderna, utopica, intransigente e per la promozione collettiva”, per usare le stesse parole del segretario Daniele Dieci nella sua relazione al 19° Congresso, rimarcando appunto la necessità di un rinnovamento nella direzione di una nuova confederalità che superi la logica binaria categorie/confederazione e finalizzi la propria attività su tre grandi temi di azione: questione salariale, cambiamento climatico, appalti e frammentazione del lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confermata la segreteria provinciale della Cgil di Modena

ModenaToday è in caricamento