Consegne a domicilio, i Comuni del Sorbara sostengono le attività locali

Una pagina dei siti di ogni Comune tutta dedicata alle consegne a domicilio delle attività commerciali del territorio

Sostenere con concretezza e il più possibile le attività commerciali del territorio in un momento di forte difficoltà a seguito delle restrizioni previste dall’ultimo DPCM e che hanno interessato soprattutto i titolari di bar e ristoranti che con le misure in atto scontano la chiusura alle 18.

E’ con questo chiaro obiettivo che i Comuni dell’Unione del Sorbara - Bastiglia, Bomporto, Castelfranco Emilia, Nonantola, Ravarino, San Cesario sul Panaro - hanno deciso di dedicare un’intera sezione dei loro siti istituzionali per raccogliere e pubblicizzare l'elenco dei pubblici esercizi che effettuano consegne a domicilio e vendita con asporto. Pertanto, tutti i titolari di bar e ristoranti (ma anche di altre attività di categorie merceologiche diverse) che volessero essere inseriti nell'elenco, non devono fare altro che collegarsi ai vari link dei siti, anche pubblicizzati sui canali social, e seguire le istruzioni presenti all'interno della pagina.

«Il momento è veramente difficile, da un lato abbiamo la necessità di tutelare la salute di tutti, dall’altro si deve cercare di evitare in tutti i modi, per quanto possibile, un contraccolpo negativo sull’economia, in particolare pensiamo a bar e ristoranti che, dati alla mano, rischiano, per ora, di pagare in maniera piuttosto salata il riflesso delle ultime disposizioni emanate a livello nazionale. Trovare un equilibrio tra queste due priorità è oggettivamente complicato, ma nel nostro piccolo abbiamo deciso di attivarci immediatamente, senza tentennamenti» dichiarano i Sindaci dei sei comuni dell’Unione spiegando come l’intenzione sia quella di «favorire un rapido incontro tra domanda e offerta attraverso quella che è a tutti gli effetti un’importante vetrina promozionale aperta veramente a tutti. Una sorta di collettore che vuole favorire o quantomeno sostenere fattivamente tantissime piccole attività della ristorazione del nostro territorio in un momento, ahinoi, di forte contrazione. E non ci fermeremo qui. Abbiamo infatti allo studio altre importanti iniziative che ufficializzeremo nel giro di pochissimi giorni rendendole immediatamente operative. Sappiano i nostri concittadini, tutti nessuno escluso, che nel perimetro del nostro raggio d’azione amministrativo/istituzionale, non lasceremo nulla d’intentato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento