Consulenza in fase di lockdown, il difensore civico come ponte tra leggi e cittadini

Risposte telefoniche ai cittadini per aiutarli a interpretare le ordinanze. L’avvocata Roli ha presentato in Consiglio l’attività del 2019 e dei primi mesi dell'emergenza sanitaria

Dai consigli  agli anziani che chiedevano se gli fosse permesso uscire di casa per una passeggiata,  ai chiarimenti forniti ai genitori con un figlio in arrivo in aeroporto che volevano sapere se potessero andare a prenderlo e tanto altro.

Non si è fermata neppure durante il lockdown l’attività di consulenza ai cittadini da parte dell’avvocata Patrizia Roli, difensore civico del Comune di Modena, in carica dal 2016, che durante l’emergenza sanitaria ha dato risposte e chiarito i dubbi dei modenesi che avevano difficoltà a interpretare le varie  disposizioni contenute nei decreti governativi e nelle ordinanze. Un’attività informale che ha svolto il ruolo di mediatore tra il territorio e la pubblica amministrazione proprio del difensore civico.

L’avvocata Roli ha presentato in questi giorni in Consiglio comunale la relazione sull’attività svolta nel 2019, introdotta dal presidente del Consiglio comunale Fabio Poggi.

“Quello del difensore civico – ha detto Poggi – è un ruolo che aumenta la trasparenza, la democrazia e la partecipazione. Non è un organo di controllo, bensì uno strumento attivo per trovare soluzioni per l’amministrazione e i cittadini”. 

Nel corso del 2019 sono stati una trentina i casi trattati dal difensore civico, ai quali se ne sono aggiunti una decina nei primi mesi del 2020 e, appunto, il lavoro di consulenza relativo al lockdown. 

Principali temi trattati

Al centro dei temi sollevati dai cittadini vi sono gli accessi in zona Ztl, le notifiche Pec, i contratti di locazione, la viabilità, il rumore e gli accessi agli atti. 

Della trentina di pratiche seguite e protocollate, dieci hanno riguardato attività della Polizia locale, quattro i Servizi sociali e il Patrimonio, tre i Lavori pubblici e l’edilizia, e le restanti altri settori, tra i quali una richiesta di chiarimenti sul progetto educativo della scuola d’infanzia Villaggio Giardino. Tutti i casi si sono risolti con una risposta a voce o scritta e diversi sono stati trattati da difensore civico in via informale, senza necessità di istruttoria.

“Le leggi sono per loro natura astratte- spiega l'avvocata Roli- e, a volte, lasciano zone d’ombra sui casi concreti, generando incomprensioni e ingiustizie. Compito del difensore civico è aprire un canale di dialogo tra i cittadini e chi rappresenta l’interesse pubblico con una funzione di garanzia e di tutela”.

Le istanze vengono ricevute in qualsiasi modalità, anche telefonica poiché, come ha osservato ancora Roli, “le persone che maggiormente si affidano al difensore civico sono quelle che hanno un difficile accesso alla giustizia ordinaria”.

 L’avvocata ha sottolineato anche la collaborazione da parte degli uffici dell’ente con l’obiettivo, ha specificato, “di trovare soluzioni giuridicamente corrette ma che diano il giusto ascolto alle ragioni dei cittadini in un’ottica di sano confronto e concreta collaborazione”.

Tra i temi più delicati, quelli che riguardano i servizi sociali e le questioni relative all’accesso agli atti, in particolare la gestione delle istanze di accesso civico generalizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “La pubblica amministrazione, infatti – ha concluso Roli – deve trovare il giusto equilibrio tra trasparenza e diritto alla riservatezza come regolato dalla normativa europea, il General data protection regulation, per la protezione dei dati personali delle persone fisiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

  • Coronavirus. 1.212 nuovi positivi e 14 decessi in regione. Modena prima provincia

  • Contagi, 123 casi nel modenese: 2 in Terapia Intensiva. Quattro decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento