rotate-mobile
Attualità

Lotta allo spreco alimentare, da Coop più di 250 tonnellate di cibo donate a chi è in difficoltà

Il progetto della cooperativa consente di ridurre le eccedenze e destinarle in solidarietà, in favore di chi ha più bisogno: a Modena in un anno garantiti 1.400 pasti

Con l’avvicinarsi della Giornata Nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, in calendario il 5 febbraio, Coop Alleanza 3.0 condivide i risultati raggiunti in questa importante tematica grazie a “Buon Fine”, il progetto della Cooperativa che permette di trasformare lo spreco in solidarietà.

Nel 2023 in Emilia-Romagna, “Buon Fine” ha coinvolto 151 negozi della rete di ipercoop e supermercati della Cooperativa permettendo di donare complessivamente a 224 realtà del territorio, un totale di oltre 1.200 tonnellate di cibo che hanno garantito circa 6.900 pasti giornalieri a persone e famiglie in difficoltà.

A Modena e provincia, in particolare, il progetto è stato attivo in 29 negozi e ha permesso di donare a oltre 60 realtà del territorio più di 250 tonnellate di merce alimentare, che hanno garantito quasi 1.400 pasti giornalieri a persone e famiglie in difficoltà. 

Come funzione il progetto “Buon fine”

Coop Alleanza 3.0 realizza da quasi 20 anni iniziative per ridurre gli sprechi alimentari, incentivando comportamenti che impediscono che gli invenduti finiscano nella spazzatura.

La più forte di queste esperienze è appunto il progetto “Buon fine”, a cui collaborano lavoratori, soci e volontari della Cooperativa in un vero processo “cooperativo”: uno sforzo collettivo, che inizia da un controllo attento dei prodotti, per recuperare le referenze vicine alla scadenza o con piccoli difetti, ma ancora perfettamente adatta al consumo.

Grazie ai lavoratori, che con precisione gestiscono attentamente i tempi di assortimento e stoccaggio così da ottimizzare gli ordini, i prodotti vicini alla scadenza sono inizialmente messi a disposizione a prezzo scontato per i soci, in uno spazio dedicato del punto vendita.

Attraverso questa prima misura, i soci possono acquistare i prodotti prossimi alla scadenza con riduzioni di prezzo dal 30 al 50% risparmiando e, al tempo stesso, aiutando a contenere gli sprechi.

Infine, gli articoli rimasti ancora invenduti – o con piccole imperfezioni estetiche, ma buonissimi e perfettamente conservati – vengono destinati in solidarietà alle realtà locali che assistono persone che vivono in condizioni di disagio o animali abbandonati, individuate grazie alla collaborazione con istituzioni del territorio e volontari della Cooperativa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta allo spreco alimentare, da Coop più di 250 tonnellate di cibo donate a chi è in difficoltà

ModenaToday è in caricamento