rotate-mobile
Attualità

Migranti a scuola "di smartphone" per trovare lavoro, in 152 ai corsi di Modena Smart

Il progetto di Informatici Senza Frontiere che ha insegnato ad usare lo smartphone a rifugiati, stranieri residenti e richiedenti asilo, donne in particolare, per la ricerca attiva e autonoma del lavoro

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

Sono stati 152 i beneficiari di 8 differenti nazionalità, tra i 18 e i 60 anni, che hanno seguito uno dei 9 percorsi di formazione e alfabetizzazione e accompagnamento, per un totale di 216 ore di formazione e 594 di affiancamento. E' il progetto Modena Smart realizzato da Informatici senza frontiere e sostenuto da Fondazione di Modena insieme a Cittadinanzattiva Emilia-Romagna, Comune di Castelfranco Emilia, Arci Solidarietà Modena, Cooperativa Centro Sociale Papa Giovanni XXIII sede di Vignola, Cuore in Gamba APS. 

L'associazione Informatici Senza Frontiere offre il proprio tempo, le proprie competenze, esperienze e passioni informatiche per realizzare progetti no profit, privilegiando contesti di emarginazione e difficoltà e situazioni di emergenza, in Italia e nei Paesi in via di sviluppo. Nata il 24 novembre 2005 Informatici Senza Frontiere è una APS che ha oggi 12 sezioni regionali, oltre 300 soci, centinaia di progetti al suo attivo ed un’importante presenza al Vertice Mondiale 2013 ITU dell’ONU come rappresentante a livello europeo di ciò che l’IT può fare nel settore della disabilità.

Il progetto di formazione digitale e accompagnamento alla ricerca attiva e autonoma del lavoro sul territorio modenese - realizzato da Informatici Senza Frontiere con il sostegno della Fondazione di Modena - era destinato a persone richiedenti asilo, rifugiati, stranieri residenti, in particolare donne, le categorie che più faticano ad ottenere un impiego. 

La metodologia, innovativa, ha utilizzato un approccio non assistenzialista che aveva come obiettivo l’inclusione attraverso la formazione e l’empowerment individuale. Il percorso è stato sviluppato in due tempi: un corso di smartphone per imparare a cercare lavoro comodamente attraverso la rete e in mobilità, seguito da una mentorship individuale finalizzata alla creazione di una strategia personalizzata di ricerca lavoro per ogni partecipante. Sono state attivate 9 edizioni del corso di smartphone diffuse sul territorio tra Modena e Castelfranco Emilia. La durata di ogni corso è stata di 24 ore per 12 partecipanti in presenza. Durante il corso i partecipanti hanno acquisito capacità diverse, utili non solo nel lavoro ma anche nella vita quotidiana, come l’uso di Drive, Google Maps, la redazione di un CV e l’utilizzo delle e-mail. Gli iscritti hanno poi proseguito il percorso attraverso l’affiancamento con un consulente dedicato a distanza per un totale di 5 appuntamenti individuali dedicati alla ricerca lavoro personalizzata.

Open Impact srl ha inoltre realizzato un report di impatto assegnando un indice SROI (Social Revenue on Investment) pari a 3,43. Questo significa che per ogni euro investito, Modena Smart ne ha generati 3,43 triplicando l’investimento iniziale in termini di impatto sociale. Le nuove competenze hanno aiutato gli stranieri, dopo 90 giorni, a trovare un impiego nel 68% dei casi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti a scuola "di smartphone" per trovare lavoro, in 152 ai corsi di Modena Smart

ModenaToday è in caricamento