Attualità Piazza Grande

Cra, il dramma degli anziani e della famiglie nel flashmob in Piazza Grande  

Alcune decine di persone hanno preso parte ieri pomeriggio alla manifestazione del Comitato Libro Verde

Ieri, in concomitanza con la seduta del Consiglio Comunale, si è svolta una manifestazione promossa dal Comitato Libro Verde, che da mesi si batte contro la situazione di estrema difficoltà che si è vissuta e si sta vivendo in molte residenze per anziani della provincia di Modena (e non solo).  Al flashmob hanno partecipano circa 50 cittadini, portando diverse testimonianze di denuncia di una situazione "ormai drammatica". Una serata di riflessione in cui si è chiesto che le Cra non siano gestite da privati ma dal Sistema Sanitario Nazionale, che si investa in strutture di accoglienza dignitose, che in ogni CRA si istituiscano organi di rappresentanza di familiari, che sia potenziata l’assistenza infermieristica e medica.

Assistenti e infermieri delle CRA hanno spiegato come in queste strutture, tutte appaltate a privati, sia "impossibile prestare le cure che sarebbero necessarie. Di notte solo due inservienti devono curare, pulire, assistere oltre 70 anziani: 70 a 2".

In piazza si è anche simulato l’uso della “Stanza degli abbracci e degli incontri”, un banale strumento che solo poche CRA modenesi posseggono, interrompendo così l’essenziale rapporto affettivo fra l’anziano e i suoi cari.

E' stato infine osservato un minuto di silenzio per gli oltre 200 anziani delle CRA modenesi uccisi dal Covid, morti simbolicamente rappresentate da distese di lumini sui sassi della piazza.

Hanno portato la loro adesione associazioni come Modena Volta Pagina, Medicina Democratica, Comitato Familiari Anchise, il gruppo consiliare del M5S e i partiti Rifondazione e Potere al Popolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cra, il dramma degli anziani e della famiglie nel flashmob in Piazza Grande  

ModenaToday è in caricamento