Maranello, Croce Rossa agli ingressi del mercato per misurare la temperatura

Da maggio, ogni mercoledì mattina, i volontari si alternano per verificare che i cittadini che accedono al mercato settimanale non abbiano la febbre

Quattordici volontari impegnati una volta a settimana, a partire dal 20 maggio scorso, pronti a controllare la temperatura corporea degli avventori del mercato cittadino per tutelare la salute della collettività. Negli ultimi mesi la Croce Rossa, su richiesta dell’amministrazione comunale, ha così contribuito ad aumentare la sicurezza tra i banchi degli ambulanti, utilizzando il termoscanner per evitare che in occasione del mercato del mercoledì a Maranello accedessero all’area persone con la febbre.

I volontari della CRI ogni mercoledì mattina si sono posizionati dalle 8 alle 12 ai tre ingressi del mercato, controllando i cittadini all’entrata nel perimetro dedicato al commercio ambulante. Ogni squadra era composta da un paio di persone munite di termoscanner – ce n’erano tre in dotazione – e di uno zainetto di primo soccorso, oltre che dotate degli adeguati dispositivi di protezione individuale.

Quindici minuti prima di ogni attività, presso la sede della CRI di Maranello, i volontari si sono sempre incontrati per un briefing, seguito dal montaggio dei gazebo presso gli accessi al mercato. E si sono sempre riuniti anche dopo l’iniziativa, per un breve bilancio della mattinata.

L’amministrazione comunale, anche a nome dell’intera comunità maranellese, ringrazia sentitamente la Croce Rossa di Maranello per il supporto ricevuto ancora una volta a favore della collettività, così come è già avvenuto in altre innumerevoli occasioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento