menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cure palliative AOU Modena, criticità sotto controllo durante l’emergenza Covid

L'organizzazione dedicata ai pazienti terminali ha retto lo tsunami che ha investito la sanità modenese

Cure palliative, l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena ha gestito le criticità in modo positivo salvaguardando trattamenti e rapporti umani e familiari. “La collaborazione tra professionisti è stata alla base della strategia”, afferma Danile Dini, responsabile della Struttura Semplice Dipartimentale Terapie Palliative e Hospice del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia dell’azienda, “soprattutto durante le fasi più critiche dell’emergenza”. E intanto la Sovrintendenza ai Beni Culturali dell’Emilia Romagna ha dato il proprio benestare per l’inizio dei lavori di restauro di Villa Montecuccoli a Baggiovara, sede del futuro Hospice territoriale di Modena, che dovrà accogliere pazienti in fase avanzata di malattia oncologica o di altra patologia cronico-degenerativa. Daniele Dini è uno dei 13 fondatori-promotori della Fondazione Hospice Modena Dignità per la Vita “Cristina Pivetti” costituita ad hoc.

“Diverse sono le criticità che una struttura di Cure Palliative deve affrontare durante una pandemia e che sicuramente durante questi mesi hanno toccato pesantemente anche noi”, testimonia Daniele Dini. “Ma la differenza sta nel saper reagire a queste criticità in modo costruttivo. Tra quelle più impattanti, ricordiamo in particolare il divieto per i familiari di recarsi dai congiunti ricoverati, la difficoltà di incontri diretti con gli Operatori dell’Assistenza Domiciliare e l’impossibilità di portare a termine un percorso formativo, già individuato e indirizzato alle altre Unità dell’Azienda, sulla gestione delle patologie cronico-degenerative “end-stage””.

Nel complesso, l’appartenenza ad un Dipartimento Ospedaliero è stata d’aiuto nell’assistenza ai pazienti terminali, potendo contare su un’organizzazione collaudata e sul contributo degli operatori delle altre Unità del Dipartimento, a cominciare dalla continuità assistenziale festiva e notturna.

“Per soddisfare l’esigenza da parte dei familiari di fare visita ai propri cari – spiega Daniele Dini – l’incremento ulteriore delle prestazioni da parte dei colleghi del Servizio Psicologia Ospedaliera ci ha permesso, pur ottemperando alle disposizioni aziendali e ministeriali, di offrire ai nostri pazienti un “tramite” tra loro e i rispettivi familiari e, di conseguenza, di farli sentire meno soli”.

Prosegue Daniele Dini: “Quanto ai contatti con gli operatori dell’Assistenza Domiciliare, questi sono stati mantenuti, anche se in modalità diversa ovvero per via telefonica e/o informatica. Ancora, l’impossibilità di concludere il percorso formativo sulla gestione delle patologie “end-stage” ha forzatamente limitato gli interventi rivolti a quelle Unità che potevano avere necessità di intraprendere un percorso di cure palliative a favore dei loro assistiti”.

“Questi risultati – conclude Daniele Dini – non potevano essere raggiunti senza la preziosa collaborazione del Servizio Psicologia Ospedaliera (in particolare nella persona della dott.ssa Catia Ghinelli) e della Direzione Professioni Sanitarie e nemmeno senza la forte consapevolezza della nostra missione di palliativisti, che è quella di accompagnare sempre e comunque i nostri pazienti, anche e soprattutto nell’emergenza, a conferma che le cure palliative non solo soltanto tocco, sguardi e sorrisi, ma anche scienza e relazioni”.

Hanno collaborato con la Struttura Semplice Dipartimentale Terapie Palliative e Hospice la dott.ssa Raffaella D’Onofrio, il dott. Andrea Bergonzini, la dott.ssa Claudia Piombino e la dott.ssa Eleonora Cabitza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento