Mirandola, vandalizzata e rimossa l'opera di Francesca Pasquali

Il Comune costretto a spostare l'allestimeno artistico di piazza Costituente: "Grave atto vandalico, un danno per la città"

È indubbio che l’arte contemporanea ha di per sé un effetto provocatorio, ma scendere nel cattivo gusto o peggio ancora nel vandalismo, come avvenuto, non è ammissibile. Senza contare il danno arrecato alla città.” È questa la posizione dell’Assessore alla Cultura del Comune di Mirandola Marina Marchi, dopo che l’Amministrazione comunale si è trovata, suo malgrado, nelle condizioni di dover rimuovere l’opera d’arte allestita dall’artista internazionale Francesca Pasquali sotto il portico di Palazzo Bergomi in piazza Costituente. L’opera nei giorni scorsi è stata oggetto di ripetuti atti vandalici da parte di ignoti.

La situazione creatasi – prosegue l’Assessore – ci ha costretto a chiedere all’artista una nuova riprogettazione dell’allestimento artistico in un altro luogo. Questa Decisione è maturata e di conseguenza è stata assunta, al fine di garantire la sicurezza e la tranquillità dei cittadini, oltre che evitare di deturpare un’opera d’arte di valore. Tengo a precisare inoltre che sono state diversi i tentativi portati avanti e volti a trovare una modalità che potesse garantire una protezione all’opera. Ma, nonostante l’impegno, non si è riusciti ad individuare alcuna soluzione di garanzia al riguardo, sufficientemente idonea alla sua protezione.”

Dato comunque quanto di deprecabile avvenuto – prosegue l’Assessore Marchi - il Comune ritiene importante che l’artista sporga querela a carico di ignoti, rei di aver danneggiato l’opera. Un atto che, oltretutto, a poche ore dall’inaugurazione di Mirandola Galleria a Cielo Aperto è in sé un grave danno di immagine all’evento, ma prima ancora alla città, se si guarda al numero di visitatori che potrà richiamare.”

Sinceramente non ci si aspettavano polemiche di siffatta portata e, fatto ancor più grave, comportamenti di totale inciviltà. Un richiamo ad un maggiore rispetto per le opere d’arte allestite in ogni angolo della città ed un grande senso civico da parte di cittadini, non solo ci pare opportuno, ma doveroso. Rammarica il fatto che gli autori, artisti nazionali ed internazionali, che sono abituati ad allestire le loro opere nelle più grandi città italiane ed europee, solo a Mirandola si sono imbattuti in una situazione del genere. L’inaugurazione di “Mirandola, Galleria a Cielo Aperto” comunque domani si terrà ugualmente alle ore 17.00, presso il parco dell’Ex Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola in via Matteotti 2. E l’invito a partecipare, compatibilmente osservando le misure anti-Covid, è aperto a tutti. Andiamo avanti, con la convinzione che, proprio per la sua portata artistica resta un evento significativo per Mirandola”, conclude l’Assessore Marchi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

  • Prodotti "non essenziali" accessibili ai clienti, multe per due ipermercati

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

Torna su
ModenaToday è in caricamento