menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nonantola, sommerso e danneggiato anche il deposito archeologico del Museo

Parte del materiale stoccato nei sotterranei della scuola D. Aligheri è stato compromesso e per un'altra parte sarà invece necessaria un'opera di restauro

Fra gli ingenti danni causati dall'alluvione del 6 dicembre a Nonantola, si devono contare anche quelli al patrimonio storico locale: anche il Museo infatti ha subito perdite. Fortunatamente l’acqua non è arrivata presso la sede del museo nella Torre dei Bolognesi, ma il deposito archeologico, collocato nei sotterranei della scuola secondaria di primo grado D. Aligheri, è stato completamente sommerso. 

Il Museo di Nonantola, che dal 2016 ha ricevuto dalla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara l’autorizzazione al deposito dei reperti archeologici di proprietà statale, conservava nel magazzino 225 casse di materiali archeologici (ceramiche, oggetti in metallo, intonaci, ossa, vetro..).

Alcuni materiali sono stati irrimediabilmente danneggiati ma la maggior parte della casse è stata recuperata: i materiali sono coperti da uno spesso strato di fango quindi dovranno essere tutti sottoposti a una lunga e laboriosa operazione di pulitura per poter provvedere al ripristino delle casse e alla loro collocazione nel nuovo deposito.

Nelle giornate di sabato 12 e domenica 13 dicembre è stato possibile provvedere al trasferimento di tutte le casse presenti in un luogo idoneo alla loro conservazione.  Per le operazioni di svuotamento del sotterraneo è stato fondamentale l’aiuto dalla Protezione civile della Regione Piemonte e Lombardia, che hanno abbassato il livello dell’acqua per rendere possibile l’accesso ai locali alluvionati. 

Le operazioni di recupero sono state seguite dal curatore del Museo di Nonantola, sotto la supervisione della Soprintendenza Archeologia, grazie al prezioso e indispensabile aiuto dell’Associazione Nazionale Tutela e Salvaguardia Beni Culturali della Protezione civile - Comacchio Trepponti. 

I reperti conservati

Circa la metà dei materiali collocati nel deposito archeologico provenivano da raccolte di superficie effettuate sul territorio nonantolano negli anni ‘80/‘90 da ArcheoNonantola e dal Sig. Angelo Borsari ed erano relative a siti dell’età del Bronzo, età del Ferro ed epoca romana. 

L’altra metà era invece costituita dalle casse di materiali provenienti dagli scavi archeologici effettuati dall’Università Ca’ Foscari di Venezia tra il 2004 e il 2015 nel centro storico del paese ed erano prevalentemente materiali di epoca medievale.

Nonantola è stata infatti al centro di un importante progetto di ricerca che ha preso il via nel 2001, sotto la direzione scientifica del Prof. Sauro Gelichi, che ha permesso di analizzare non solo lo spazio fisico dell’abbazia di San Silvestro e delle pertinenze monastiche, ma l’intero borgo nonantolano con le sue differenti fasi di sviluppo durante l’età medievale ed, inoltre, il territorio rurale di riferimento. Questo studio è stato condotto grazie a campagne estive di ricognizioni di superficie nel territorio di pertinenza comunale e a una serie di scavi archeologici stratigrafici su singoli contesti di particolare rilievo (la torre dei Modenesi e dei Bolognesi, piazza Liberazione, Piazza del Pozzo, via Roma, il giardino abbaziale e Perla Verde). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento