Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Disturbi dell'alimentazione, aumentano i casi e sono sempre più giovani

In aumento i nuovi accessi al programma di cura e i giovanissimi; il ruolo della famiglia nella terapia: l'assessora Pinelli ha risposto a un’interrogazione di Venturelli (Pd)

Nel 2020 gli utenti seguiti nel programma Dca Disturbi del comportamento alimentare furono 357 con 170 nuovi casi. L’incremento rispetto al 2019, quando gli utenti furono 314, è del 13,7% con un aumento di nuovi casi (112) del 51,7%, ma rispetto al 2018 (quando i nuovi accessi furono 88) l’incremento è stato addirittura del 93%. Da inizio 2021 al 31 maggio, 116 nuovi accessi si sono aggiunti ai 262 utenti in carico: se il trend si mantenesse, i casi sarebbero il doppio rispetto al 2020.

A comunicare nel Consiglio comunale di giovedì 1 luglio i dati resi disponibili dall’Azienda sanitaria modenese, è stata l’assessora alle Politiche Sociali Roberta Pinelli che ha risposto a un’interrogazione presentata da Federica Venturelli del Pd. L’istanza chiedeva informazioni su servizi, interventi di presa in carico e cura e coinvolgimento delle famiglie; iniziative di sensibilizzazione, dati e azioni in atto per la cura e la prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare.

Dal quadro illustrato emerge non solo un forte aumento dei casi, ma anche un abbassamento dell’età di esordio dei disturbi dell’alimentazione e in particolare dell’anoressia nervosa. Gli studi sembrano dimostrare che nelle nuove generazioni l’età di esordio si è spostata dai 16-17 anni ai 14-15 con casi più frequenti prima dei 13 anni. “I dati dell’Ausl di Modena – ha precisato Pinelli - sono in fase di elaborazione, ma la percezione è che ci sia stato un incremento di nuovi casi tra i 13 e i 15 anni di età, anche se la fascia tra i 18 e i 24 anni si conferma quella più colpita”.

Per quanto riguarda il Percorso diagnostico terapeutico assistenziale Pdta-Dca, sono quattro i livelli di cura in cui sono impegnati i Servizi dei Dipartimenti Salute Mentale e Cure Primarie dell’Ausl insieme all’Azienda Ospedaliero-Universitaria, tramite i tre centri specialistici di area e l’Hub dell’ospedale di Baggiovara. 

In base ai orientamenti regionali, il Pdta-Dca è diretto a utenza con disturbi con diagnosi di Anoressia nervosa o Bulimia nervosa nella fascia tra i 12 e i 35 anni d’età. Il livello base è quello di diagnosi precoce, presa in carico di pazienti con sintomatologia lieve. Il livello 2 prevede valutazione, diagnosi, cura e riabilitazione svolta dai tre ambulatori specialistici di area (Modena, Mirandola, Sassuolo) in cui opera un team multi-professionale con psicologi, medico nutrizionista,  neuropsichiatra infantile, dietista e la conduzione di gruppi diretti ai familiari. Il livello 3 comporta attività di riabilitazione psico-nutrizionale in regime ambulatoriale intensivo o centro diurno per ottenere la normalizzazione del peso e il massimo cambiamento della psicopatologia. Al ricovero in ospedali pubblici o privati convenzionati e accreditati si ricorre infine per emergenze (livello 4).

Nel programma Dca le famiglie sono accolte, ascoltate e coinvolte con diversi i livelli di intervento; particolare attenzione va ai percorsi di terapia di gruppo che si svolgono anche da remoto. Un gruppo di familiari, che sta valutando la possibilità di costituirsi in associazione, è disponibile per attività di sostegno con interventi di sensibilizzazione, tutoraggio ad altri genitori, gruppi di auto-mutuo-aiuto.

L’Ausl svolge nelle scuole attività di prevenzione e educazione alimentare, durante l’anno è stato proposto agli studenti anche un nuovo intervento: “Body shaming e Dca”, mentre eventi di sensibilizzazione si svolgono nell’ambito della Settimana della Salute Mentale e della Giornata del Fiocchetto Lilla. Il programma Dca partecipa anche al progetto MaNuAl - disturbi della nutrizione e dell’alimentazione, oltre che allo studio sperimentale sul Nuovo Metodo Maudsley che si prefigge di valutare l’efficacia della terapia in adolescenti.

Dopo la trasformazione in interpellanza, Giovanni Bertoldi (Lega Modena) ha sottolineato positivamente il cambio di strategia nella cura: “Un approccio corretto deve integrare le cure in ospedale con quelle nelle strutture territoriali che possono accompagnare e sostenere nel post emergenza, perché il percorso di recupero è molto lungo”, ha sottolineato richiamando inoltre l’importanza di far entrare nella rete le strutture private, e di “coinvolgere le famiglie per dare loro gli strumenti per individuare precocemente queste patologie”. 

Secondo Paola Aime (Verdi), i Dca “sono un pezzo di malessere giovanile che dovrebbero preoccuparci di più e per i quali dovremmo fare di più. C’è un’eccessiva frammentazione dei servizi che non comunicano tra loro quanto dovrebbero. Questo provoca un eccesso di cure e grande confusione sia nei pazienti che nelle loro famiglie. Occorre, quindi, capire come porsi in modo più efficace, mettendo risorse e creando alleanze e collaborazioni per farsi carico globalmente del problema”.

Dichiarandosi soddisfatta della risposta, la consigliera Venturelli ha osservato che “purtroppo il tema dei disturbi del comportamento alimentare è ancora, spesso, considerato un tabù o descritto dai media e dai social come un disturbo da persone viziate. Invece, si tratta di malattie e come tali vanno curate. I dati forniti sono preoccupanti – ha concluso – e ci dicono che gli interventi in atto devono essere rafforzati e ampliati e che serve soprattutto lavorare sulla sensibilizzazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disturbi dell'alimentazione, aumentano i casi e sono sempre più giovani

ModenaToday è in caricamento